Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid-19, Israele fa retromarcia: stop alla quarta dose

© REUTERS / AMIR COHENVaccinazione Covid in Israele
Vaccinazione Covid in Israele - Sputnik Italia, 1920, 24.12.2021
Seguici su
Primo Paese ad andare nella direzione della quarta dose, ora Israele annuncia uno stop: lo ha deciso il ministero della Sanità, dopo aver esaminato i dati provenienti dalla Gran Bretagna, secondo cui la variante Omicron pare sarebbe meno rischiosa della variante Delta.
Fa dietrofront Israele sulla somministrazione della quarta dose di vaccino. Si prevedeva di iniziare i richiami da questa domenica, ma il ministero della Sanità del Paese ha dato uno stop.
Il direttore generale del ministero, Nachman Ash, dopo aver esaminato i dati targati Gran Bretagna sul'andamento dei casi colpiti dalla variante Omicron, ha deciso di porre il veto.
Non ha così approvato la campagna vaccinale alle porte, che avrebbe interessato gli ultrasessantenni, anche se, fa sapere l'emittente locale Kan, Ash prenderà una decisione definitiva entro metà della prossima settimana.
Fa eco alla notizia che ci giunge da Israele il professor Anthony Fauci, dagli Stati Uniti, secondo cui "è prematuro parlare di quarta dose".
L'immunologo statunitense sottolinea l'importanza del fatto che chi ha già fatto due dosi di vaccino, ne faccia subito una terza, "per una migliore protezione contro il virus".
Intanto, in Italia, a parlare sul tema è Pierpaolo Sileri, sottosegretario di Stato al ministero della salute.
Sileri dice che, sia per l'estensione della terza dose ai minori di 18 anni che per quanto concerne la somministrazione della quarta dose, bisognerà decidere in base ai dati relativi alla aggressività della variante Omicron.
Pierpaolo Sileri - Sputnik Italia, 1920, 16.12.2021
Sileri: Si parla tanto di dittatura sanitaria, ma il vero dittatore è il virus

"Se questa variante, come tutti ci auguriamo, dovesse portare a meno ricoveri e decessi, -aggiunge - dovremo anche capire se ciò avvenga perché è meno 'cattiva', o anche perché trova una popolazione con una solida base di vaccinazione. È necessario quindi, adesso più che mai, accelerare sia con le prime che con le terze dosi", riferisce Adnkronos.

Mentre parla ancora una volta di quarta dose e di "una situazione in cui periodicamente toccherà ripetere (...) una vaccinazione impostata magari con nuovi vaccini (...) un po' sul modello influenza", il professor Massimo Galli. Sulla questione se si dovrà quindi ripetere il vaccino una volta all'anno, Galli conclude così, come riportato ancora da Adnkronos:
"È una delle possibili ipotesi che penso debbano essere considerate. Ma se ci fossero stati dubbi" sulla necessità di un adeguamento dei vaccini "penso siano stati fugati da questa variante Omicron che ha 32 mutazioni rispetto al virus di Wuhan e che giustificherebbe da sola che venga messo in piedi un nuovo vaccino".
 Massimo Galli - Sputnik Italia, 1920, 23.12.2021
Galli: terza dose non sarà l'ultima contro il Covid
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала