Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid Italia, quattro regioni rischiano l'arancione da gennaio

© Sputnik . Pavel L'vov / Vai alla galleria fotograficaUnità di terapia intensiva
Unità di terapia intensiva - Sputnik Italia, 1920, 22.12.2021
Seguici su
Si tengono d'occhio in particolare Friuli Venezia Giulia e Trentino, dove finora sono stati registrati i numeri più alti di ricoveri nei reparti ordinari e nelle terapie intensive.
L'emergenza Covid è tornata ad attanagliare l'Italia, con numeri che non si vedevano ormai da diversi mesi.
Nella giornata di ieri è stata superata la soglia psicologica dei 30.000 contagi giornalieri a livello nazionale e i 1.000 ricoveri in terapia intensiva; una cifra, quest'ultima, che per l'ultima volta si era registrata a maggio.
E così, per alcune regioni italiane, torna lo spettro delle restrizioni e della zona arancione, che in alcuni territori potrebbe diventare la realtà a partire dal 3 e 10 gennaio prossimi, dunque a cavallo dell'Epifania.
Nessuna restrizione, infatti, scatterà tra Natale e Capodanno, come ribadito anche nella giornata di ieri da Mario Draghi, il quale ha parlato di sole "raccomandazioni" per la cabina di regia in programma domani, 23 dicembre.
Un corriere in mascherina  - Sputnik Italia, 1920, 21.12.2021
Covid in Italia: balzo dei contagi con 30mila casi, 153 i morti

Chi rischia l'arancione?

Friuli e Trentino, con particolare riferimento alla provincia di Trento, quelle che rischiano di più il passaggio in arancione, qualora, oltre al numero di contagi, si dovesse verificare anche una crescita signfiicativa dell'occupazione nei reparti ordinari e delle terapie intensive, come previsto dalla normativa, che considera tre parametri per determinare il colore della regione: incidenza per 100.000 abitanti, tasso di occupazione dei reparti ordinari e delle terapie intensive.
Occhi puntati, però, anche sulle ospedalizzazioni in Liguria (terapie intensive 14%, ricoveri 23%), e Veneto (terapie intensive 17%, ricoveri 18%), che rischiano l'arancione anch'esse da gennaio.
Mario Draghi al COP26 - Sputnik Italia, 1920, 21.12.2021
Draghi: “Anni difficili, ma l’Italia ha saputo reagire con coraggio”

Cinque regioni verso il giallo

Altre cinque grandi regioni sono invece in bilico e potrebbero lasciare la zona bianca entro fine anno: si tratta di Emilia-Romagna, Lombardia, Lazio, Piemonte e Sicilia, che insieme contano oltre 30 milioni di abitanti.
La regione della capitale, in particolare, è già oltre il limite nelle terapie intensive e sull'orlo dello sforamento per quanto riguarda i ricoveri (14%).

È oltre la soglia limite nelle rianimazioni anche la Lombardia, che non è ancora in giallo per via del numero ancora contenuto di ricoveri ordinari, così come l'Emilia-Romagna.

Tendenza negativa anche in Piemonte (10% terapie intensive e14% dei ricoveri ordinari) e in Sicilia (8% terapie intesnive e 15% ricoveri ordinari).
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала