Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Zegna si quota a Wall Street: “Simbolo dell’Italia che sa fare squadra”

Ermenegildo Zegna
Ermenegildo Zegna - Sputnik Italia, 1920, 20.12.2021
Seguici su
È la prima società italiana della moda a sbarcare sulla piazza d’affari americana. “Siamo pronti”, dice l’amministratore delegato, erede del fondatore. E racconta di quando gli hacker chiesero un riscatto.
Un debutto in grande stile quello del gruppo italiano di moda Zegna, che oggi verrà quotato da Wall Street: prima società italiana del settore a fare il grande salto sui mercati finanziari d’America.
Un progetto, in collaborazione con la società di investimenti Spac, che ha reso possibile una quotazione da 3,1 miliardi.
Gildo Zegna, amministratore delegato e erede del fondatore Ermenegildo, è orgoglioso del passo e oggi, scrive La Stampa, si presenterà alla Borsa di New York con una copia dell’Economist che premia l’Italia.
“Siamo il Paese dell’anno e siamo orgogliosi” e “penso che con questa operazione abbiamo dimostrato di avere coraggio, abbiamo trovato il partner giusto e siamo pronti”.
Per Zegna in questo momento magico per il Paese, “abbiamo i leader giusti e c’è una grande energia. Finalmente l’Italia sta giocando di squadra, il privato e il pubblico vanno nella stessa direzione”.
Merito anche della pandemia, secondo il Ceo: “Il Covid ci ha avvicinati, è stata una lezione di comportamento. Siamo diventati più responsabili e consapevoli”.

Il progetto di sbarcare in borsa e l’anno terribile del 2020

Nel corso dell’intervista, Zegna spiega i passi che hanno portato alla quotazione e le future mosse.
“Non sarò certo un Ceo che passerà le giornate guardando l’indice di Borsa, non mi interessa. Tirerò dritto, mi concentrerò sul business e sulla responsabilità: sia verso chi lavora con noi sia verso gli azionisti”.
Un traguardo che arriva dopo un 2020 di pandemia che ha colpito moltissimo il settore della moda.
“La priorità è stata salvare l’azienda, tagliando 100 milioni di euro di costi. Il fatto di essere più leggeri e veloci ci ha aiutati. La cosa bella di questa di operazione è che le strategie non cambieranno”.
Dal punto di vista della strategia, Zegna punta a un nuovo corso per il brand basato sul “Luxury leisurewear” che “sta dando buoni risultati, in cui assumeremo”. A questo seguirà la digitalizzazione: “In America la metà delle vendite è grazie all’app, il nostro obiettivo è far cambiare il guardaroba ai clienti di sempre e piacere a padri e figli”.
E Gildo Zegna racconta anche un evento che ha rischiato di far saltare tutto: “Era la mia sola settimana di vacanza, in volo ho scoperto che ci avevano attaccato gli hacker. Abbiamo rischiato grosso. Ci hanno chiesto un riscatto, ma abbiamo tenuto duro”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала