Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Variante Omicron, Draghi convoca un vertice: verso la stretta di Natale

© Sputnik . Evgeny UtkinPassanti in mascherina
Passanti in mascherina - Sputnik Italia, 1920, 19.12.2021
Seguici su
La cabina di regia presieduta dal presidente del Consiglio si riunirà il 23 dicembre. Sul tavolo la riduzione del green pass, mascherine all'aperto, tamponi anche per i vaccinati ed estensione dell'obbligo vaccinale.
Il governo è al lavoro per arginare la diffusione della variante Omicron del Covid-19, in crescita anche in Italia. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha convocato una nuova riunione della cabina di regia giovedì 23 dicembre. Il vertice servirà a fare il punto della situazione alla luce dei nuovi dati aggiornati e decidere eventuali provvedimenti in vista del Natale.
Tra le misure sul tavolo, il governo potrebbe valutare l'obbligo di mascherine all'aperto anche in zona bianca e i tamponi per vaccinati e guariti per consentire l'accesso in luoghi affollati, come le discoteche. Lo riferisce Rainews citando fonti del governo.
L'altra ipotesi al vaglio è quella di ridurre la durata del green pass ed estendere la vaccinazione obbligatoria ad altre categorie a stretto contatto con il pubblico. Nella valutazione di un'ulteriore estensione la cabina di regia dovrà tener conto dei risultati del flash survey, l'indagine rapida decisa dal ministero della Salute per stimare la prevalenza della variante Omicron in Italia, prevista per lunedì 20 dicembre.
Il ministro della Salute Roberto Speranza invita a rafforzare le misure organizzative per fronteggiare a livello territoriale e ospedaliero un possibile aumento di contagi nelle prossime settimane.
La variante Omicron "ci ricorda come questa sfida contro il Covid si possa vincere solo con un grande lavoro di condivisione internazionale", ha aggiunto, secondo quanto riportato da Rainews.
Di una possibile reintroduzione dell'obbligo di mascherine all'aperto e dei tamponi per vaccinati ha parlato Franco Locatelli, coordinatore del Cts e presidente del Consiglio Superiore di Sanità, in un'intervista rilasciata oggi al Corriere, nella quale ha difeso la campagna vaccinale.
“L’anno scorso, l’Italia era largamente chiusa, eppure il 18 dicembre avevamo più di 2.800 pazienti in rianimazione, 674 i decessi. Oggi i ricoverati nelle terapie intensive, in larga parte non vaccinati, superano di poco le 950 unità, al momento, il numero delle persone che hanno perso la vita in una giornata non ha mai superato la soglia di 130”, ha dichiarato.
Locatelli, però, ammette che le vaccinazioni, da sole, non bastano a bloccare la cavalcata della nuova ondata e della variante Omicron che si sta diffondendo velocemente in Europa e anche in Italia.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала