Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

A Roma arrivano i mezzi per la raccolta dei rifiuti ma mancano gli autisti

© Foto fornita da Francesco FigliomeniEmergenza rifiuti a Roma
Emergenza rifiuti a Roma  - Sputnik Italia, 1920, 19.12.2021
Seguici su
Nuova grana per il neosindaco Gualtieri: in scadenza circa mille permessi di guida per i mezzi per la nettezza urbana. A rischio la pulizia della Capitale.
Il neosindaco di Roma Roberto Gualtieri si trova a sbrogliare la matassa della nettezza urbana nella città, un annoso problema, ormai cronico, che sconta difficoltà strutturali e mancanze.
Questa volta, dopo lo sblocco dei nuovi mezzi per la raccolta dei rifiuti, a mettere in difficoltà l’Ama, la municipalizzata romana, è la scadenza delle patenti.
Per circa mille dipendenti, infatti, le Carte di qualificazione del conducente, cioè le autorizzazioni di guida professionale per chi possiede gli attestati C/C+E, D/D+E, scadranno entro tre mesi.
I documenti, scrive Il Tempo, valgono cinque anni e per essere rinnovati richiedono la frequenza di un corso di 35 ore, senza il quale si rischiano multe fino a 624 euro e il ritiro della patente.
Se l’Ama non riuscirà a rinnovare in tempo le autorizzazioni, rischia di trovarsi senza conducenti e anche la pulizia della Capitale in vista di Natale è in bilico.

Obiettivo: rinnovo

L’Ama ha quindi indetto un bando di gara per le autoscuole abilitate all'erogazione delle attività formative per il rinnovo delle carte di qualificazione.
“L'obiettivo è rinnovare entro il 15 marzo prossimo circa mille documenti di guida”, scrive il quotidiano romano.
Un traguardo che da solo non risolve le carenze di conducenti che la municipalizzata già sconta.
Per ovviare, la società ha avviato una riconversione di alcune figure, formando e promuovendo anche gli operatori di raccolta a conducenti.
Per la precisione, anche a pieno regime, l’Ama ha una carenza di 33 autisti.

Resta il nodo degli impianti

Attualmente Roma trasporta all’esterno dei suoi confini buona parte dei rifiuti raccolti per la mancanza di una discarica e di impianti che possano assorbire l’intera produzione.
Il Comune aveva ipotizzato la creazione di un “biodigestore” per il compost a Cesano, ma la maggioranza di centrosinistra che governa il Municipio XV ha approvato una mozione in cui viene espressa “netta contrarietà”.
Problemi anche per la discarica di Magliano Romano, contro cui si schierano i sindaci della valle del Tevere pronti a rivolgersi al Tar.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала