Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

ISS, terza dose di vaccino Covid-19 riduce casi gravi del 93,4%

CC0 / / Creative rendition of SARS-COV-2 virus particles
Creative rendition of SARS-COV-2 virus particles - Sputnik Italia, 1920, 18.12.2021
Seguici su
Secondo il nuovo studio dell’Istituto superiore di Sanità (Iss), l’efficacia della doppia dose di vaccino contro il coronavirus scende fortemente tra il 73% e il 35%. La protezione resta elevata per contenere i casi severi della malattia da Covid-19.
Con la terza dose di richiamo, invece, l’efficacia nel prevenire le diagnosi di malattia severa sale al 93,4%.
In particolare, l’indagine scientifica ha rilevato come dopo 150 giorni l’efficacia delle prime due dosi cali anche in modo significativo, ma si è visto che la terza dose è in grado di ripristinare in modo efficace la copertura immunitaria contro il coronavirus dei soggetti.
Ecco cosa spiega l’Iss nel suo report:
“Calcolando il tasso di ospedalizzazione (nella fascia 80+) nel periodo 29/10/2021 - 28/11/2021 per i non vaccinati (381 ricoveri per 100.000) si evidenzia come questo sia circa sette volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di 150 giorni (52 ricoveri per 100.000) e circa 35 volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster (11 ricoveri per 100.000). Per i ricoveri in terapia intensiva (nella fascia 80+), nello stesso periodo, il tasso di ricoveri in terapia intensiva dei non vaccinati (22 ricoveri in terapia intensiva per 100.000) è circa sette volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo entro 150 giorni (3 ricoveri in terapia intensiva per 100.000) e circa 54 volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster (0,4 ricoveri in terapia intensiva per 100.000)”.
“Analizzando il tasso di decesso (nella stessa fascia), nel periodo 22/10/2021 - 21/11/2021, nei non vaccinati (153 per 100.000) è circa otto volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da entro i 150 giorni (18 per 100.000) e 45 volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster (3 per 100.000)”, si aggiunge.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала