Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"Cieli chiusi": dopo ritiro USA, anche la Russia lascia trattato di sicurezza post-Guerra Fredda

© Sputnik . Igor RussakAntonov An-30
Antonov An-30 - Sputnik Italia, 1920, 18.12.2021
Seguici su
La Russia ha comunicato di voler uscire dal Trattato sui Cieli Aperti a giugno, dopo l'annuncio del maggio 2020 dell'amministrazione Trump sul ritiro statunitense dall'accordo. Firmato nel 1992, ed entrato in vigore nel 2002, i Cieli Aperti sono stati uno dei numerosi trattati di "fiducia" stipulati tra gli ex nemici della Guerra Fredda.
La Russia ha ufficialmente cessato la sua partecipazione al Trattato sui cieli aperti a partire da sabato 18 dicembre 2021, dopo che gli alleati europei di Washington non sono riusciti a fornire a Mosca garanzie ferree che le informazioni raccolte durante i voli di osservazione sul territorio russo non sarebbero state trasmesse agli Stati Uniti.
In una dichiarazione rilasciata per l'occasione, il ministero degli Esteri russo ha affermato che senza la partecipazione di Stati Uniti e Russia, l'efficacia del trattato diminuirà drasticamente.

“Rispettiamo la decisione degli Stati partecipanti rimasti nel Trattato di continuare ad implementarlo. Auguriamo loro una collaborazione costruttiva e fruttuosa. Tuttavia, è ovvio che senza la partecipazione degli Stati Uniti e del nostro Paese, l'efficacia del Trattato sui Cieli Aperti diminuirà drasticamente: l'area di applicazione diminuirà di circa l'80%, e il numero di missioni Cieli Aperti previste per il 2022 diminuirà drasticamente", ha affermato il dicastero diplomatico russo in una nota.

"La piena responsabilità per il declassamento dell'accordo giace sull'iniziatore del crollo del Trattato sui Cieli Aperti: gli Stati Uniti d'America", ha affermato il ministero.
Gli sforzi di Mosca per preservare l'accordo si sono rivelati inutili, cadendo vittima "della lotta interna di vari gruppi di influenza negli Stati Uniti, in cui i falchi hanno preso il sopravvento" e hanno preso una rotta verso la distruzione dei principali accordi di sicurezza con la Russia, ha aggiunto il ministero degli Esteri russo.
I diplomatici russi hanno sottolineato che la decisione della Russia di recedere dal trattato "non è stata presa senza difficoltà", ma alla fine è stata adottata, dopo aver soppesato i calcoli delle implicazioni per la sicurezza internazionale.
Durante la sua partecipazione al trattato, la Russia ha effettuato 646 voli e ha consentito di effettuare 449 voli sul suo territorio, rispetto ai 1.580 voli effettuati complessivamente. Gli aerei russi sono stati i primi a passare alle apparecchiature di sorveglianza digitale nell'ambito del trattato.
“Decenni di fruttuosa attuazione del Trattato sui Cieli Aperti hanno dimostrato che è servito come strumento per rafforzare la fiducia e la sicurezza, creando ulteriori opportunità per una valutazione obiettiva e imparziale del potenziale militare e delle attività militari dei Paesi aderenti”, ha sottolineato il ministero degli Esteri russo.

Cieli Chiusi

Il Trattato sui Cieli Aperti è stato negoziato, firmato e ratificato nel 1992 ed è entrato in vigore nel 2002, diventando una delle numerose misure di rafforzamento della fiducia tra gli ex avversari della Guerra Fredda, dopo il crollo dell'Unione Sovietica. Il trattato ha consentito agli Stati membri di raccogliere liberamente, su base programmata, informazioni sulle reciproche forze e attività militari, utilizzando velivoli di sorveglianza appositamente designati.
Nel maggio 2020, l'amministrazione Trump ha annunciato il ritiro statunitense dall'accordo.
Tu-154M - Sputnik Italia, 1920, 18.01.2021
Cieli Aperti, Cina: "Uscita della Russia inevitabile a causa delle posizioni americane"
Nel gennaio 2021, la Russia ha affermato che la decisione degli Stati Uniti di annullare l'accordo ha sconvolto l'equilibrio degli interessi dei restanti partecipanti ed ha annunciato l'intenzione di ritirarsi. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha lasciato intendere che Mosca avrebbe immediatamente riconsiderato la sua decisione se l'amministrazione Biden si fosse mossa per riportare gli Stati Uniti alla piena attuazione del trattato. Il candidato Biden aveva classificato il ritiro di Trump dal Trattato sui Cieli Aperti come un "errore", ma non ha fatto nulla per cambiare la decisione dopo essersi insediato alla Casa Bianca.
Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato formalmente il disegno di legge di uscita dal Trattato sui Cieli Aperti nel giugno 2021, con Mosca che ha dato il necessario preavviso di 6 mesi per il ritiro ai membri rimanenti.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала