Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Svezia, rapine giovanili: due terzi dei colpevoli stranieri, tre quarti delle vittime svedesi

Rapina, furto
Rapina, furto - Sputnik Italia, 1920, 16.12.2021
Seguici su
Delle 2.489 rapine giovanili segnalate tra il 2015 e il 2019, due terzi dei colpevoli avevano origini straniere, mentre il 77% delle vittime aveva origini svedesi, secondo un nuovo rapporto.
Le rapine giovanili sono aumentate vertiginosamente in Svezia, e più spesso sono gli immigrati a prendere di mira gli svedesi, emerge da un nuovo rapporto pubblicato dal Consiglio per la prevenzione della criminalità (Brå) del paese scandinavo.
Tra il 2015 e il 2019, il numero di rapine ai danni di minori è raddoppiato, passando da 1.084 a 2.489, afferma il rapporto.
“Nel 2020, il numero di rapine giovanili segnalate è leggermente diminuito, probabilmente a causa della pandemia di COVID-19. Tuttavia, la riduzione è avvenuta solo nelle grandi città e nei comuni suburbani. Nel resto del Paese, il numero di rapine denunciate ha continuato ad aumentare”, ha detto l'investigatrice del Brå, Sara Jonsson.
Secondo il rapporto, due terzi dei sospetti rapinatori avevano origini straniere, mentre il 77% delle vittime aveva origini svedesi.
Vista sull'isola Sodermalm a Stoccolma - Sputnik Italia, 1920, 30.11.2021
Svezia: aiuti COVID finiti anche a islamisti, finanziatori terroristici e bande di motociclisti
Il sospettato tipico di rapina giovanile risulta quindi essere un ragazzo di età compresa tra 15 e 17 anni, di origine straniera, che vive in una delle numerose 'aree vulnerabili' del paese, che i critici avversi al linguaggio ufficiale tendono a chiamare ghetti. Secondo Brå, i motivi delle rapine giovanili, di solito, includono il bisogno di denaro, il desiderio di ottenere uno status all'interno del proprio gruppo e un conflitto di fondo tra il sospettato e la vittima. Quasi la metà di tutte le rapine giovanili sono commesse da delinquenti abituali.
Inoltre, una quota crescente di giovani dichiara di essere preoccupata per l'esposizione a rapine, una tendenza particolarmente evidente tra i ragazzi.
“Anche se la rapina costituisce una percentuale piuttosto ridotta di tutta la delinquenza giovanile, è un crimine molto grave. Essere esposti a una rapina è un'esperienza traumatica, che può richiedere molto tempo per essere elaborata", ha detto l'investigatrice di Brå Maria von Bredow.
Sebbene i ragazzi sospetti costituiscano la maggioranza, anche la percentuale di ragazze sospettate di rapina minorile è aumentata, dal 4% all'8% nel periodo 2015-2019. Particolarmente evidente l’aumento nell’area metropolitana di Stoccolma, rivela il rapporto.
Secondo l'investigatrice, anch’essa del Brå, Anna Öström, le rapine comprendono anche minacce, violenze, uso della forza e umiliazioni.
La Svezia è il Paese con la più alta percentuale (il 25,9% della popolazione) di persone con una storia di immigrazione in tutta la Scandinavia, quota che sale nelle coorti più giovani, a causa delle tendenze demografiche.
Negli ultimi anni, la Svezia è stata protagonista di un evidente peggioramento della criminalità, con spirali di violenza legate alle giovani gang e la criminalità organizzata, accompagnate spesso da sparatorie e seri episodi di cronaca, invece rarissimi il secolo scorso.
La polizia del paese ha stimato che almeno 5.000 membri di bande sarebbero attivi in oltre 60 cosiddette 'aree vulnerabili' in tutta la Svezia e ha nominato circa 40 clan criminali, alcuni dei quali arrivati dall'estero esclusivamente allo scopo di commettere reati.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала