Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Perseverance trova su Marte un "tesoro" che può aiutare a "datare gli eventi" nel cratere marziano

© Foto : NASA / JPL-CaltechIl rover Perseverance
Il rover Perseverance - Sputnik Italia, 1920, 16.12.2021
Seguici su
Un certo numero di campioni di roccia raccolti da Perseverance dovrebbero essere portati sulla Terra attraverso la campagna "Mars Sample Return" per essere studiati a fondo dagli scienziati sulla Terra.
Gli scienziati che gestiscono il rover Perseverance della NASA mentre esplora la superficie di Marte, hanno recentemente ottenuto nuove informazioni sulla geologia del pianeta rosso.
Secondo un articolo pubblicato sul sito web della NASA, il team scientifico ha appreso che il bedrock nel cratere Jezero dove il rover è atterrato "probabilmente si è formato da magma rovente".
Kenneth Farley, un geologo del Caltech e scienziato del progetto Perseverance, ha notato che stava "cominciando a disperare" che "non avrebbero mai trovato la risposta" circa l'origine delle rocce nella zona fino a quando lo strumento PIXL del rover "ha dato una buona occhiata al pezzo abraso di una roccia della zona soprannominata 'South Séítah,' e tutto è diventato chiaro: i cristalli all'interno della roccia hanno fornito la prova cercata”.
I dati ottenuti dal team attraverso l'analisi di un campione del nucleo della roccia South Séítah con lo strumento planetario per la litochimica a raggi X (PIXL), hanno mostrato che la roccia era composta da "un'insolita abbondanza di grandi cristalli di olivina inghiottiti da cristalli di pirosseno".
"Un bravo studente di geologia vi dirà che una tale struttura indica che la roccia si è formata quando i cristalli sono cresciuti e si sono depositati nel magma in lento raffreddamento - per esempio, una spessa colata lavica, un lago di lava o una camera magmatica", ha spiegato Farley. "La roccia è stata poi alterata dall'acqua più volte, rendendola un tesoro che permetterà ai futuri scienziati di datare gli eventi di Jezero, capire meglio il periodo in cui l'acqua era più comune sulla sua superficie, e rivelare la storia iniziale del pianeta".
Molti dei campioni di roccia marziana raccolti da Perseverance dovrebbero alla fine essere portati sulla Terra attraverso la campagna "Mars Sample Return", per essere studiati da scienziati che useranno attrezzatura troppo ingombrante per essere inviata su Marte.

Organici Ahoy

Lo strumento SHERLOC (scanning habitable environments with raman & luminescence for Organics & Chemicals) ha rilevato inoltre composti organici nella zona, sia all'interno di rocce abrase che nella polvere su rocce non abrase.
La NASA sottolinea, tuttavia, che questi risultati non equivalgono alla scoperta di prove che confermano l'esistenza della vita in Jezero, dal momento che gli elementi organici possono essere creati attraverso meccanismi non biologici, così come biologici.
"Curiosity aveva già scoperto elementi organici nel suo sito di atterraggio all'interno del Gale Crater", ha fatto notare Luther Beegle, investigatore principale di SHERLOC presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nella California meridionale. "Ciò che SHERLOC aggiunge alla storia è la sua capacità di mappare la distribuzione spaziale degli elementi organici all'interno delle rocce e di mettere in relazione questi elementi organici con i minerali che vi si trovano. Questo ci aiuta a capire l'ambiente in cui si sono formati gli organici. Bisogna fare altre analisi per determinare il metodo di produzione degli organici identificati".
Beegle ha descritto la "conservazione degli organici" come "molto eccitante", aggiungendo che con l’arrivo dei campioni sulla Terra, "saranno una fonte di indagine e scoperta scientifica per molti anni".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала