Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il green pass lo devono usare anche i parlamentari: bocciato il ricorso

CC BY-SA 3.0 / Manfred Heyde / Palazzo di Montecitorio in Rome/ItalyParlamento italiano
Parlamento italiano - Sputnik Italia, 1920, 15.12.2021
Seguici su
Per i parlamentari resta l'obbligo del green pass per accedere alle Camere di appartenenza. La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile il conflitto tra poteri sollevato dal senatore del gruppo misto Gianluigi Paragone e da un gruppo di deputati capitanato da Pino Cabras (L' Alternativa c'è) contro l'obbligo introdotto nei mesi scorsi.
Gli ex grillini, eletti con i voti del Movimento 5 Stelle e poi fuoriusciti o cacciati, hanno perso il loro ricorso, perché la Corte costituzionale ha ritenuto che dai ricorsi non emerge alcuna manifesta lesione delle attribuzioni proprie dei parlamentari e che spettino all'autonomia delle due Camere l'interpretazione e l'applicazione dei rispettivi regolamenti. Lo riporta Ansa.
I conflitti tra poteri, supposti dai ricorrenti, riguardavano le delibere con cui gli organi interni di Camera e Senato - alla luce del decreto di settembre sul green pass - hanno richiesto il certificato verde per partecipare ai lavori parlamentari.
Paragone e gli 8 deputati di Alternativa c'è, i quali che avevano sottoscritto uno dei due conflitti, lamentavano la menomazione delle proprie attribuzioni costituzionali. I ricorrenti, infatti, sono dei non vaccinati.
I parlamentari dissidenti, in particolare, denunciavano le modalità di adozione dell'obbligo di green pass, cioè la sua introduzione con delibere di organi interni alle Camere (Ufficio/Consiglio di Presidenza e Collegio dei questori), anziché attraverso una modifica dei regolamenti parlamentari, per cui sarebbe stata necessaria la maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Aula.
I parlamentari ritenevano quindi che fosse stata violata la riserva regolamentare (articolo 64 della Costituzione italiana) e insieme fosse stata compressa la partecipazione dei singoli parlamentari al procedimento legislativo, oltre che leso il libero svolgimento del loro mandato.
In definitiva, chiedevano di essere esentati dall’uso del green pass in Parlamento, mentre nel resto del paese tutti gli italiani e le italiane sono obbligati a usarlo e a presentarlo.
Pochi giorni fa, Gianluigi Paragone, il fondatore di Italexit, ha scritto su Facebook per dire no al “grande partito unico dell’euro e dell’Europa”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала