Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Di Maio al Consiglio Affari Esteri Ue: “Massima attenzione dall’Italia su Libia e Afghanistan”

Luigi di Maio al Consiglio Affari Esteri a Bruxelles
Luigi di Maio al Consiglio Affari Esteri a Bruxelles - Sputnik Italia, 1920, 13.12.2021
Seguici su
Anche sicurezza e controllo dei flussi migratori restano prioritarie per Roma con il tema cruciale della lotta al terrorismo, ha detto il ministro degli Esteri da Bruxelles.
Dopo un weekend di intensi colloqui con i ministri degli Esteri del G7 a Liverpool, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è stato oggi impegnato a Bruxelles al Consiglio dei ministri degli Affari Esteri dell’Unione europea: all’ordine del giorno un dibattito approfondito sulle relazioni UE-Africa, il dialogo in ambito multilaterale, uno scambio di opinioni sull'Asia centrale, durante il quale il ministro ha illustrato gli esiti della sua missione a Tashkent per la Conferenza Ministeriale Italia-Asia Centrale, e infine la situazione in Afghanistan.
“Dopo la due giorni del G7 a Liverpool, oggi a Bruxelles con i miei omologhi per il Consiglio Affari Esteri dell’UE”, ha scritto Di Maio sulla sua pagina Facebook.
“Molti i temi su cui il nostro lavoro va avanti, come l'impegno nel Mediterraneo: la sicurezza e il controllo dei flussi migratori continuano a essere tra le nostre priorità, anche perché legati a un'altra questione centrale, cioè la lotta al terrorismo”.

Afghanistan e Libia discussi con il Qatar

Di Maio, a margine dei lavori del Consiglio ha incontrato il ministro degli Esteri del Qatar, Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani “con il quale ci siamo confrontati su Afghanistan e Libia, dossier che riguardano da vicino sia l’Italia che l’Europa”.
Il titolare della Farnesina ha sottolineato che “tenere vivo il dialogo con un partner come il Qatar è cruciale, così come continuare a tenere alta l'attenzione su questi temi. Ed è quello che stiamo facendo come Italia. Continuiamo a lavorare in tutte le sedi internazionali per trovare risposte efficaci. Non ci fermiamo”.
Nel corso della giornata i ministri degli Esteri Ue hanno parlato anche della situazione in Venezuela e degli scenari in Russia, Ucraina, Varosha, Bielorussia ed Etiopia.
Sull’escalation al confine tra Russia e Ucraina si sono espressi ieri i ministri del G7 con una dichiarazione finale in cui si chiede una distensione e la descalation militare.
Incontro tra Di Maio e Blinken a New York - Sputnik Italia, 1920, 12.12.2021
Il G7 condanna la pressione militare russa in Ucraina. Usa e Italia sostengono sovranità Kiev
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала