L’ultima opportunità

© Sputnik . Vitaly Podvitsky L’ultima opportunità
 L’ultima opportunità - Sputnik Italia, 1920, 13.12.2021
Seguici suTelegram
Dopo una pausa di 5 mesi sono ripresi i colloqui a Vienna sul nucleare iraniano. Da parte dei paesi G7 c’è una forte esortazione a tornare al tavolo dei negoziati del nucleare.
I negoziati in corso a Vienna sono "l'ultima possibilità per l'Iran" di presentare una soluzione "seria" e di salvare così l'accordo sul nucleare: lo ha dichiarato la ministra degli Esteri britannica, Liz Truss, intervenendo alla ministeriale del G7, in corso a Liverpool, da lei presieduta.
“È importante che lo faccia” perché “non permetteremo all’Iran di avere armi nucleari”, ha affermato nuovamente Liz Truss in una conferenza stampa a Liverpool, nel nord dell’Inghilterra.

L'accordo sul programma nucleare iraniano

Le trattative sul Joint Comprehensive Plan of Action (Jcpoa) riprendono, dopo cinque mesi di stop dettati dal cambio di presidenza iraniana, con grande difficoltà e avvolte in un’aurea di sfiducia per via dell’enorme divergenza di posizioni.
Sul fronte iraniano pesa ancora il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dall’accordo e le sanzioni imposte dalla precedente amministrazione. Elementi che i diplomatici di Teheran stanno facendo valere al tavolo delle trattative attraverso la richiesta di specifiche condizioni in mancanza delle quali sarà difficile rivitalizzare l’accordo. Tra queste rientrano la sospensione di tutte le sanzioni - con rispettiva compensazione per i danni subiti dall’attività sanzionatoria - nonché tangibili e legittime garanzie da parte statunitense sull’effettivo rispetto dell’accordo. Garanzie che, tuttavia, non dispiacerebbe avere neanche agli altri attori presenti al tavolo, Ue, Russia e Cina che stanno cercando di trovare una mediazione.
La delegazione di diplomatici a Vienna per le trattative sul PACG - Sputnik Italia, 1920, 06.12.2021
Ci sarà il nuovo accordo sul programma nucleare iraniano?
L’attuale presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, si è detto pronto a tornare all’accordo se anche l’Iran dovesse tornare ai suoi impegni, ma i negoziati iniziati ad aprile e appena ripresi dopo una pausa di cinque mesi sembrano essere a un punto morto.
La diplomazia americana sospetta pubblicamente che il Paese ostile voglia guadagnare tempo e allo stesso tempo sviluppare il suo programma nucleare, che lo avvicina sempre di più alla bomba.
Washington ha avvertito nei giorni scorsi che non permetterà a Teheran di adottare questa posizione per molto tempo, e ha sottolineato che è ancora in preparazione un piano alternativo poco chiaro. Ma questa è la prima volta che un paese membro dell’accordo afferma che questa è l’ultima trattativa.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала