Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Criminologo Musacchio sulla ‘Ndrangheta: è tra le mafie più potenti al mondo

© Foto : ShirtoUn murales contro la mafia nel luogo dove il 23 maggio 1992 venne azionato l'ordigno che fece saltare in aria l'auto su cui viaggiava il giudice Giovanni Falcone
Un murales contro la mafia nel luogo dove il 23 maggio 1992 venne azionato l'ordigno che fece saltare in aria l'auto su cui viaggiava il giudice Giovanni Falcone  - Sputnik Italia, 1920, 11.12.2021
Seguici su
Approfondimento
La ‘Ndrangheta è presente in ogni parte del mondo e gestisce almeno un terzo della cocaina mondiale: milioni di tonnellate pervadono l’Europa e i profitti sono incalcolabili.
Di transnazionalità della mafia, in un`Intervista a cura degli studenti del Rutgers Institute on Anti-Corruption Studies di Newark, il 7 dicembre 2021 parla Vincenzo Musacchio, criminologo, giurista e associato al Rutgers Institute on Anti-Corruption Studies (RIACS) di Newark (USA), nonchè ricercatore dell’Alta Scuola di Studi Strategici sulla Criminalità Organizzata del Royal United Services Institute di Londra.
Nella sua carriera, Musacchio è stato allievo di Giuliano Vassalli, amico e collaboratore di Antonino Caponnetto, magistrato italiano conosciuto per aver guidato il Pool antimafia con Falcone e Borsellino nella seconda metà degli anni ’80. È oggi uno dei più accreditati studiosi delle nuove mafie transnazionali, un autorevole studioso a livello internazionale di strategie di lotta al crimine organizzato e autore di numerosi saggi e di una monografia pubblicata in cinquantaquattro Stati, scritta con Franco Roberti, dal titolo La lotta alle nuove mafie va combattuta a livello transnazionale. È considerato il maggior esperto di mafia albanese e i sui lavori di approfondimento in materia sono stati utilizzati anche a livello europeo.
Tutti si rivolgevano a me per chiedere favori. - Sputnik Italia, 1920, 24.10.2021
La mafia italiana in Germania: un pericolo crescente
- Professore è vero che la ‘Ndrangheta rientra tra le mafie più potenti al mondo?
- Sì. Il metro per stabilirlo è quello di guardare al traffico internazionale degli stupefacenti e, in particolare, della cocaina. In Italia c’è una sola mafia leader del settore: è la ‘Ndrangheta. Non si può prescindere da una simile analisi. Occorre poi valutare l’estensione mondiale di quest’organizzazione mafiosa. La ‘Ndrangheta è presente in ogni parte del globo.
- Come opera in concreto?
- Sviluppa rapporti mondiali, utilizzando i proventi del traffico di stupefacenti proprio sulle dinamiche economiche e finanziarie internazionali. I clan calabresi scelgono con dovizia i Paesi dove operare. La ‘Ndrangheta gestisce almeno un terzo della cocaina mondiale. È da qui che occorre partire: dalla sua più grande fonte di profitto. Milioni di tonnellate che pervadono l’Europa e profitti incalcolabili. Proprio su questi guadagni si può comprendere come una mafia diventi transnazionale.
- La transnazionalità è una caratteristica pericolosa?
- Pericolosissima. La ‘Ndrangheta camaleontica di oggi riesce a reinvestire i suoi guadagni sporchi ovunque nel mondo. “Pecunia non olet”. Tutti vogliono fare affari con una delle mafie più potenti al mondo, per trarne profitto, sia economico sia di consenso sociale, beneficiando, di fatto, dell’inquinamento del mercato, che la ‘Ndrangheta riesce con successo a portare avanti in più settori economici e finanziari.
- Come fa a essere così all’avanguardia una mafia che fino a poco tempo fa era definita grezza e violenta?
- Ha detto bene, fino a poco tempo fa. La nuova ‘Ndrangheta, oggi, si basa su una triplice strategia politico-mercatistica: 1) gestione del narcotraffico; 2) reimpiego dei capitali; 3) rapporti con le istituzioni. In questo momento ha una capacità di integrarsi nella vita sociale ed economica di qualsiasi Nazione al mondo.
- Come possiamo combatterla efficacemente?
- Come abbiamo detto e scritto più volte io e Franco Roberti, al momento la lotta alla criminalità organizzata è davvero impari, perché mentre le mafie si muovono senza confini, magistratura e forze dell’ordine hanno competenza solo sul proprio territorio e, per agire oltre confine, devono attivare gli istituti di cooperazione internazionale, per la maggior parte disomogenei tra i vari Stati. Assistiamo troppo spesso a rogatorie ignorate, a Nazioni governate da autocrati o in guerra o complici e, quindi, i necessari strumenti giuridici non sono attivati o non esistono proprio. Se non si pone rimedio a simili discrasie le mafie avranno sempre gioco facile.
- Com’è la situazione in Unione Europea?
- In Europa la situazione non è migliore. Molti Stati membri nel loro codice penale non prevedono il delitto di associazione per delinquere di stampo mafioso. In teoria, alcune Convenzioni prevedono che tra Paesi europei ci si consegni i ricercati senza analizzare giuridicamente la questione. La realtà dei fatti, purtroppo, ci dice che la legislazione europea sulla lotta al crimine organizzato non funziona come dovrebbe.
Carabinieri in azione - Sputnik Italia, 1920, 04.10.2021
"Ndrangheta: 4 fermi tra Reggio Calabria e Ancona
- Ci fa un esempio per comprendere il mal funzionamento dei sistemi di lotta al crimine organizzato in Europa?
- Ci sono stati casi in cui i magistrati italiani hanno chiesto alla Germania di procedere all’arresto di alcuni indagati per il delitto di cui al 416bis del nostro codice penale (Operazione Rheinbrucketra). Gli arresti sono avvenuti, ma, poco tempo dopo, il tribunale di Karlsruhe ha ritenuto che non sussistessero le esigenze cautelari e ha rimesso in libertà i presunti colpevoli, che oggi sono latitanti, sfuggendo così, per ora, alla giustizia italiana.
- Chiarissimo l’esempio, quindi lei cosa consiglierebbe di fare?
- Quando mi è stato chiesto un parere, ho sempre risposto che non si può pensare di combattere efficacemente la criminalità organizzata italiana, se non la si colpisce su più fronti. Va colpita al cuore, e cioè nel proprio impero economico finanziario. Vanno colpiti inesorabilmente tutti i suoi complici (broker, consulenti, soci, partner d’affari, politici, liberi professionisti e così via), poiché le consentono di crescere e diventare sempre più potente. Partendo da questi due elementi, la lotta alle nuove mafie sarebbe meno impari.
L'opinione dell'autore potrebbe non riflettere la posizione della redazione
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала