Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Cremlino: "Con le attuali tensioni è difficile immaginare Russia e Stati Uniti alleati"

© Sputnik . Sergey Guneev / Vai alla galleria fotograficaIl portavoce del Cremlino Dmitry Peskov
Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov - Sputnik Italia, 1920, 11.12.2021
Seguici su
Il portavoce del Cremlino ha escluso ancora una volta la possibilità che la Russia possa avviare un'offensiva contro l'Ucraina.
La Russia non sta pianificando alcun un attacco contro l'Ucraina, ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, in un'intervista esclusiva al canale televisivo greco ANT1.

"La questione è molto semplice: la Russia sta muovendo le sue forze all'interno del proprio territorio, e noi possiamo muovere le nostre forze in qualsiasi direzione vogliamo e più vicino alle aree che potrebbero rappresentare una minaccia. Vediamo aerei da guerra statunitensi atterrare in Ucraina e l'equipaggiamento militare degli Stati Uniti si avvicina ai nostri confini", ha detto Peskov, quando gli è stato chiesto se il presidente russo Vladimir Putin avesse intenzione di attaccare l'Ucraina.

Il portavoce del Cremlino ha anche criticato la Turchia, per aver venduto i suoi droni, utilizzati da Kiev nel Donbass, all'Ucraina.

"Abbiamo criticato la Turchia per questo, perché riteniamo che sia un problema che spinge Kiev e il governo ucraino a scegliere una soluzione violenta per risolvere i loro problemi interni nel sud-est. Se l'Ucraina ricomincia ad attaccare il proprio popolo, sarà un altro disastro per l'Europa", ha osservato Peskov.

Al portavoce della presidenza russa è stato anche chiesto se Stati Uniti e Russia potrebbero mai diventare alleati, tuttavia, il portavoce ha osservato che, vista la situazione attuale, "sarebbe difficile immaginare una cosa del genere".
Il 7 dicembre, il presidente russo, Vladimir Putin, ha tenuto una telefonata con il suo omologo statunitense, Joe Biden, per discutere del presunto ammassamento di truppe russe vicino ai confini dell'Ucraina.
Una casa bombardata lungo la linea di contatto nel Donbass - Sputnik Italia, 1920, 09.12.2021
Putin: quello che accade nel Donbass assomiglia a un genocidio
Le relazioni bilaterali tra Russia e Stati Uniti, così come con l'Ucraina, si sono deteriorate, in seguito alla pubblicazione di rapporti da parte dei media secondo cui la Russia avrebbe accumulato circa 100.000 soldati vicino al confine con l'Ucraina e starebbe pianificando un'offensiva.
La Russia ha ripetutamente negato le accuse di azioni aggressive, provenienti dalla NATO e dall'Ucraina.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала