Jen Psaki docet: uguali diritti (quasi) per tutti

© Sputnik . Vitaly PodvitskyJen Psaki docet: uguali diritti (quasi) per tutti
Jen Psaki docet: uguali diritti (quasi) per tutti - Sputnik Italia, 1920, 10.12.2021
Seguici suTelegram
Jen Psaki ha dichiarato che gli Stati Uniti credono nel diritto di ogni Paese di decidere come garantire la propria sicurezza. La portavoce della Casa Bianca ha anche affermato che i vari paesi non possono indicare agli altri con chi possono collaborare.
Gli Stati Uniti continueranno a perseguire una politica, secondo cui ogni paese è libero di prendere le decisioni su come garantire la propria sicurezza. Lo ha affermato giovedì in un briefing per i giornalisti la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, commentando la conversazione tra il Presidente russo, Vladimir Putin, e il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, avvenuta all'inizio di questa settimana tramite un collegamento video.
Alla portavoce è stato chiesto di commentare le dichiarazioni di Biden fatte mercoledì e precisare se si tratta di un eventuale accordo tra Mosca e Washington nell’ambito della sicurezza.
“Lasciatemi affermare in tutta chiarezza: il Presidente Biden ha dichiarato al Presidente Putin, nella conversazione svoltasi tra di loro, che un paese non può costringere un altro paese a cambiare il proprio confine, un paese non può ordinare ad un altro di cambiare la propria politica, i paesi non possono dire agli altri paesi con chi possono collaborare”, ha risposto la Psaki.
"Abbiamo costantemente espresso sostegno al principio, secondo cui ogni Paese ha il diritto sovrano di prendere le proprie decisioni in relazione alla propria sicurezza", ha osservato la rappresentante del leader statunitense, “È scritto nel principio fondamentale del Trattato dell'Atlantico del Nord, è la politica degli Stati Uniti oggi e rimarrà la politica degli Stati Uniti in futuro”.
La Psaki ha sostenuto che "la NATO è un'alleanza difensiva". "Non ha intenzioni aggressive nei confronti della Russia”, ha ribadito la portavoce della Casa Bianca.
Recentemente, i paesi occidentali e Kiev hanno avanzato accuse su una possibile invasione russa dell'Ucraina. Il portavoce del presidente russo, Dmitry Peskov, ha definito tali informazioni un'escalation di tensione vuota e infondata. Ha sottolineato che la Russia non rappresenta una minaccia per nessuno.
Ministero degli Affari Esteri della Russia - Sputnik Italia, 1920, 10.12.2021
Diplomazia russa: "una provocazione" le azioni della nave militare ucraina nello Stretto di Kerch
Allo stesso tempo, Peskov non ha escluso la probabilità di provocazioni, per giustificare tali accuse, e ha avvertito che i tentativi di risolvere con la forza la crisi nel sud-est dell'Ucraina avranno conseguenze gravi.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала