Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Salgono i contagi da Omicron in Italia: +11

© AP Photo / Petr David JosekOperatore sanitario in un ospedale Covid a Praga
Operatore sanitario in un ospedale Covid a Praga - Sputnik Italia, 1920, 07.12.2021
Seguici su
Cresce in Italia la curva dei contagi da Covid-19, la notizia la fornisce Silvio Brusaferro il direttore dell’Istituto superiore di sanità (Iss) e portavoce del Comitato tecnico scientifico (Cts) del governo.
Brusaferro dice che i casi di variante Omicron in Italia sono saliti a 11, almeno queste sono le “sequenze confermate”.
Per quanto riguarda il coefficiente che calcola la diffusione del coronavirus nel nostro paese, siamo a Rt 1,2, secondo i dati preliminari forniti dall’Adnkronos. Tuttavia, i dati più aggiornati arriveranno soltanto tra questa sera e domani e saranno poi presentati, come al solito, il venerdì.
Brusaferro quest’oggi è stato ascoltato in audizione dalla Commissione Affari costituzionali del Senato in merito al decreto legge che ha introdotto il cosiddetto super green pass e l’obbligo vaccinale per alcune categorie lavorative.

Variante Omicron in Italia

Brusaferro rende noto che in Italia sono stati trovati 11 casi di variante Omicron, quella nuova, che sta spaventando il mondo, ma che Pregliasco quest’oggi ha declassato a una variante non più pericolosa della già nota variante Delta.
I casi sono stati riscontrati in Calabria (1 caso), in Campania (7), Sardegna (1), Veneto (1) e in provincia di Bolzano (1). Poi ci sono dei casi non ancora confermati, ma considerati sospetti.
I casi sono stati individuati attraverso il sequenziamento effettuato a campione sui tamponi processati dai laboratori di analisi dislocati sul territorio nazionale.
Объятия девушек из Университета Алабамы - Sputnik Italia, 1920, 07.12.2021
Se l'Omicron diverrà dominante, sarà un bene - presidente dei medici sudafricani

L’incidenza settimanale del Covid-19 in Italia

Per quanto riguarda l’incidenza settimanale del Covid-19, in Italia risulta essere salita a 173 casi ogni 100 mila abitanti.
Come sappiamo, sia l’Rt che l’incidenza settimanale non sono più i parametri principali usati per far cadere una regione in zona gialla, arancione o rossa.
Oggi sono le saturazioni delle terapie intensive e delle aree mediche a far scattare le soglie di attenzione.
Brusaferro fa notare che tutta l’Unione Europea si trova in “una situazione particolarmente significativa” e che sono i paesi confinanti con l’Italia a crearci le preoccupazioni maggiori.

I non vaccinati

Sono circa 6,5 milioni gli italiani e le italiane sopra i 12 anni che non si sono ancora vaccinati. Si tratta di persone che non hanno fatto nemmeno la prima dose e gran parte di queste persone si trovano in “fascia lavorativa”, ovvero tra i 30 e i 60 anni.
“Le coperture più basse si registrano in particolare fra i 30 e i 49 anni, la fascia d'età caratterizzata da una maggior circolazione del virus”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала