Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Super green pass, Bonaccini: “Si poteva semplificare ma l’Italia ha fatto la scelta giusta”

© Foto : account Facebook BonacciniStefano Bonaccini - Presidente regione Emilia-Romagna
Stefano Bonaccini - Presidente regione Emilia-Romagna - Sputnik Italia, 1920, 06.12.2021
Seguici su
Il governatore dell’Emilia Romagna spera non ci siano contrasti tra le regole in modo che il doppio binario della certificazione proceda spedito e consenta di tenere aperte per Natale tutte le attività.
Per il presidente della Regione Emilia Romagna, in questo momento, con il Pnrr da realizzare e la pandemia ancora incalzante “serve stabilità, non possiamo permetterci salti nel vuoto”. Un messaggio diretto a chi vuole far tremare il governo Draghi, che però “al netto di tensioni e incidenti di percorso, è ancora forte”.
Parlando a La Stampa, Stefano Bonaccini, ribadisce che quello che serve all’Italia ora è proprio “l’autorevolezza sul piano interno ed internazionale” di Mario Draghi.
E parlando dell’argomento del giorno, il Super green pass, che entra in vigore da oggi, Bonaccini lo promuove ma ammette che si poteva “semplificare di più”.

Obbligo vaccinale? Non escludo nulla

Per il governatore dell’Emilia Romagna gli italiani continuano a dare una risposta “molto buona” sul fronte delle vaccinazioni, “le terze dosi, ma anche le prime hanno avuto un’impennata”.
“Anziché sulle restrizioni alla socialità e alle attività economiche, l'Italia ha scommesso sui vaccini e le regole, ed è la scelta giusta. Sarà un Natale migliore rispetto a quello dello scorso anno, anche se guai abbassare la guardia”.
Bonaccini difende la scelta fatta da governo e Regioni di non spingere sull’obbligo vaccinale ma se “non sarà sufficiente, non va escluso nulla”.
Sul green pass rafforzato, però, il governatore tira le orecchie all’esecutivo: “Si poteva semplificare di più, non c’è dubbio. Ma la notizia è un’altra: in queste festività resteranno aperti i negozi e i ristoranti, i cinema e i teatri, i musei e gli impianti sportivi”.
E intanto, è stato chiesto al governo “di intervenire per fare in modo che non vi sia contrasto fra le regole”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала