Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Viaggiare fuori dagli schemi: tour al Polo Nord e Sud, tra pinguini e orsi polari

© Sputnik . Aleksey NikolskyiPolo Nord
Polo Nord - Sputnik Italia, 1920, 04.12.2021
Seguici su
Approfondimento
Viaggiare verso uno dei poli del nostro pianeta non è di certo la scelta più ovvia da fare, e non si tratta nemmeno di un viaggio conveniente. Tuttavia, l’esperienza di trovarsi al Polo Nord o al Polo Sud certamente non può essere vissuta nei confortevoli villaggi turistici in Turchia o alle Maldive, anche se i prezzi potrebbero essere comparabili.
In un’intersvista a Sputnik, il fondatore del Club dei Viaggi Polari Poseidon Expeditions, Nikolay Savelyev, ha ha risposto a diverse domande, tra cui quando arriveranno i primi turisti nella Terra di Francesco Giuseppe? Dobbiamo avere paura degli orsi polari? Cos’è il “salto polare”? e quanto costa arrivare in questi luoghi?
- Il Polo Nord non è una destinazione per il turismo di massa. Cosa attira i viaggiatori verso l'Oceano Artico e il freddo estremo?
- Anzitutto, si tratta di un safari polare. Tutti conoscono i safari africani, che si effettuano per vedere giraffe, rinoceronti, ippopotami. Ma anche nell'Artico, al Polo Nord e in Antartide ti ritrovi immerso nella natura: soltanto che intorno a te troverai orsi, balene, orche, pinguini, leopardi marini, foche e trichechi.
E si tratta anche di terre con una storia importante! All'inizio del XX secolo era stato esplorato e mappato l’intero globo, ad eccezione delle regioni polari. Le spedizioni di studio ed esplorazione dei poli erano ancora agli albori a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Sul permafrost si sono persino conservate le tracce di quelle prime spedizioni. Si tratta di impronte vive, che ancora oggi testimoniano la storia di questi luoghi. Chi ha una spiccata curiosità avrà modo di indagare la ricca storia della regione russa dell’Artico. È una storia scritta dagli scienziati, che dedicarono buona parte della loro vita a studiare le regioni polari.
Fuochi d'artificio per Capodanno - Sputnik Italia, 1920, 30.11.2021
Covid, la guida per i viaggi in Italia e all'estero: ecco dove si potrà andare
I turisti rientrano dai poli completamente cambiati: imparano come svernano gli orsi, come cacciano le orche, visitano le stazioni polari e parlano con chi ci lavora. Infatti, gli unici altri umani in giro sono all’interno delle stazioni, e non per strada.
- Ma chi sono questi turisti polari?
- Persone speciali. Qui è difficile incontrare persone che hanno soggiornato in Europa o in Asia. Anche se a volte può capitare. Si tratta di persone totalmente diverse, in termini di istruzione e status sociale. Naturalmente, molto dipende dalle risorse economiche a disposizione, ma non sempre è così. Infatti, oggi un viaggio alle Svalbard o alla Terra di Francesco Giuseppe non è più costoso di un soggiorno in un hotel a cinque stelle in Turchia. La questione, in questo caso, attiene più che altro all’interesse della data persona.
- Alla luce della pandemia in atto, probabilmente la regione del Polo nord è il luogo più sicuro del pianeta. La pandemia ha forse influenzato l’interesse dei russi a effettuare viaggi nella regione?
- Tra i russi, durante la pandemia, si è registrato un aumento della domanda di viaggi alle elevate latitudini. Infatti, i confini sono chiusi e in molti hanno pensato: perché non visitare l'Artico? Mentre prima, in una stagione, visitavano il Polo nord soltanto 15-20 russi, quest’estate il numero è salito a 200. L'interesse continua a crescere. Ventidue anni fa, quando abbiamo iniziato a lavorare qui, questo prodotto era orientato al mercato occidentale europeo di lingua tedesca e quasi sconosciuto in Russia. Ora le cose stanno cambiando.
- Qual è il momento migliore per andare al Polo Nord? Quando inizia la stagione qui?
- Nell'Artico e al Polo nord la stagione inizia a giugno e dura fino alla fine dell'estate. In Antartide, è da novembre a febbraio, e parte di marzo. Le prime crociere in Antartide iniziano di solito all'inizio di novembre. Ma quest'anno, a causa delle restrizioni pandemiche, siamo un po' indietro. Durante la stagione turistica, la temperatura ai poli in media è di +5°C, mentre al sole può raggiungere i 10°C.
Several airlines with canceled flights are shown on a departures board at JFK airport's Terminal 1, Friday, March 13, 2020, in New York. The coronavirus outbreak is affecting the airline industry hard. Travelers from most European countries to the United States are banned for the next 30 days after President Trump announced the ban earlier in the week. Returning passengers will be screened. The global travel industry is already reeling from falling bookings and canceled reservations as people try to avoid contracting and spreading the virus. - Sputnik Italia, 1920, 15.10.2021
Stati Uniti, dall'8 novembre sarà richiesta la vaccinazione ai visitatori stranieri
- Quanti sono i russi che hanno scelto di viaggiare ai poli dall'inizio di quest'anno? Qual è, in termini percentuali, la loro quota, rispetto al totale dei viaggiatori provenienti anche da altri Paesi?
- Prima della pandemia, il 60% dei turisti che visitavano l’Antartide proveniva dall'Asia, in particolare Cina e Taiwan. Al secondo posto vi erano i viaggiatori provenienti dall'America, al terzo dall'Europa, al quarto dall'Australia e poi la classifica continua con un gruppo variegato, comprendente anche i russi, che rappresentano una quota del 15%. La domanda non è diminuita a causa della pandemia. Il numero di viaggiatori di lingua russa è aumentato e ora è pari al 40%.
La percentuale di russi che vogliono andare al Polo Nord è aumentata del 200%. Quest'estate abbiamo fatto due crociere con soltanto viaggiatori russi. Solo ora i russi hanno iniziato a guardare anche alle regioni polari.
- Quanto costa andare al Polo Nord? Come si spostano di solito i russi e quali sono i costi?
- Ad oggi, l'unico modo per arrivarci è con l’ausilio della rompighiaccio a propulsione nucleare 50 let Pobedy (dal russo, 50 anni della Vittoria). La nave è di proprietà di Rosatom e noi la noleggiamo. Di solito ci facciamo 5 viaggi a stagione. La rompighiaccio parte da Murmansk ed è in grado di trasportare a bordo 120 passeggeri. Il viaggio verso l’estremità nord del pianeta costa 2,4 milioni di rubli (circa 29.000 euro).
Le crociere in Groenlandia, alle Svalbard, nella Terra di Francesco Giuseppe o in Antartide sono più convenienti. Questi tour costano tra i 40.000 e i 50.000 rubli al giorno a persona (circa 480 euro). Un viaggio dura in media 10 giorni.
- Quali sono le condizioni, oggi, a disposizione dei turisti che decidono di viaggiare in queste regioni così complesse?
Aeroporto di Tokyo - Sputnik Italia, 1920, 01.12.2021
Variante Omicron: il Giappone sospenderà le prenotazioni aeree per i voli dall'Africa
- Si tratta di un ambiente confortevole, ma non lussuoso, chiaramente, perché stiamo parlando di una rompighiaccio vera e propria e non di una nave da crociera. I servizi che troverete sono piuttosto semplici, ma funzionali. I turisti interessati a questa esperienza pagano molto, non per del cibo o un arredo ricercato, ma per fare nuove conoscenze, vivere nuove emozioni con persone uniche: raggiungere il Polo nord, trovarsi su una nave rompighiaccio, vedere le isole e gli arcipelaghi della Rotta del Mare del Nord, compresa la Terra di Francesco Giuseppe, il territorio più settentrionale della Russia. È un viaggio che ti fa sentire come se non fossi nemmeno più sulla Terra.
I viaggiatori possono vedere con i loro occhi come sta cambiando il clima e imparare il più possibile nuove informazioni su questo tema: infatti, diversi scienziati (tra cui biologi marini, glaciologi ed ecologi) viaggiano con noi sulla nave rompighiaccio.
- Capita per caso che turisti russi ritornino in questi luoghi o si tratta piuttosto di un viaggio unico nell’arco della vita di una persona?
- Di solito funziona così: chi è stato almeno una volta in questi luoghi, ci torna ancora. Sul totale dei viaggiatori nelle regioni artiche, l’80% è costituito da turisti che ci sono già stati. Infatti, dopo il Polo nord vanno nell'Artico, in Antartide e viceversa. Si tratta di persone che hanno scoperto emozioni e viaggi alternativi. Chi conosce il mondo polare se ne innamora per sempre.
La regione artica russa e la sua area marittima costituiscono il territorio più esteso di tutto l’Artico, se lo confrontiamo a quelli degli altri Paesi che fanno parte della regione artica nel suo complesso. Aumentare il flusso turistico verso la regione artica è come aumentare quello verso la Luna.
Per sviluppare il flusso turistico verso la regione marittima dell'Artico russo, che è la più grande e interessante per tutto il mondo, è necessario garantire che il sistema di trasporti vi acceda agevolmente. Una volta risolti questi problemi, lo sviluppo comincerà rapidamente.
- Cosa pensa che debba essere fatto concretamente per sviluppare le infrastrutture di trasporto?
- L'Artico è un'area enorme e ci sono solo due modi per arrivarci, via mare e via aria. Abbiamo studiato le esperienze di Groenlandia, Cile, Argentina e Stati Uniti della regione artica e tutti hanno agito in maniera analoga. Queste regioni isolate sono principalmente di interesse militare e strategico. Tutti i Paesi hanno dapprima predisposto basi per l’aviazione militare e poi hanno adottato regolamenti che ne consentissero un utilizzo in dual use.
Persone con mascherine a Londra - Sputnik Italia, 1920, 29.09.2021
Viaggi in Regno Unito: dal 1° ottobre serve il passaporto per turismo, lavoro e studio
Se si adottasse lo stesso approccio in Russia, allora in automatico comincerebbe a svilupparsi anche il flusso turistico. Infatti, i tour operator comincerebbero a capire che è davvero possibile arrivarci e predisporrebbero nuovi voli di linea. A valle di questo interesse, sarebbe possibile ragionare sulla costruzione di infrastrutture.
Oggi visitano le Svalbard circa 120.000 turisti l’anno, fruendo degli 8 voli regolari che vi transitano ogni giorno. Le Svalbard ospitano negozi e università. Decine di voli arrivano anche in Groenlandia.
La Terra di Francesco Giuseppe si trova a 800 km dalle Svalbard. È una zona dove prevale ancora la natura. C'è una pista di decollo e atterraggio per l’esercito (la base aeronautica permanente della Terra di Francesco Giuseppe è stata inaugurata a maggio 2021). Stiamo cercando di farla diventare una struttura dual use.
Stiamo supportando lo sviluppo della Terra di Francesco Giuseppe, in quanto è il territorio geograficamente più vicino a noi. Dopotutto, ci vogliono solo quattro ore di volo da Mosca.
- Cosa siete pronti a fare per sviluppare le infrastrutture in questo territorio?
- La Terra di Francesco Giuseppe è la porta occidentale sulla regione russa dell’Artica e verso la
Rotta del Mare del Nord. Siamo disposti a costruire un albergo per un centinaio di posti letto. Ma non abbiamo ancora cominciato a lavorare su questo progetto, perché aspettiamo che la normativa venga modificata, per rendere più accessibile ai turisti questa regione. Sarà l'hotel più a nord del mondo. Lo costruiremo in poco tempo, poiché nella Terra di Francesco Giuseppe ci occuperemo di montare pezzi già prefabbricati.
- Che cosa o chi rappresenta una minaccia al Polo nord? Gli orsi polari? Capita spesso che si avvicinino all’uomo?
- L'Artico e il Polo nord sono la casa degli orsi polari. Sono mammiferi molto grandi e le precauzioni sono sempre necessarie. In Antartide si possono incontrare i pinguini, che sono molto amichevoli e pacifici, tranne per il fatto che potrebbero mordere i vostri stivali. Non ci si deve avvicinare agli elefanti marini, mente trichechi e foche non costituiscono una minaccia per l’uomo.
Una strada in Norvegia - Sputnik Italia, 1920, 15.06.2021
Questa italiana ha passato metà pandemia al Circolo Polare Artico - Foto
- Quali servizi extra vengono messi a disposizione per questi intrepidi viaggiatori? Ad esempio, è possibile pernottare in un sacco a pelo sulla spiaggia?
- I viaggiatori passano la notte sulla nave, ma organizziamo anche un campeggio in Antartide. È possibile passare una notte sotto il cielo antartico, ma il numero di questi posti è limitato: solo 30 persone per crociera. E, spesso, questi pernottamenti in sacco a pelo vengono prenotati con 2 anni d’anticipo.
Per gli amanti del brivido, è previsto un tuffo nelle acque artiche o antartiche. Noi lo chiamiamo "salto polare". La temperatura dell'acqua varia da 2 a 7°C.
- Quali sono le sfide che deve affrontare oggi il Club dei Viaggi Polari?
- Uno dei nostri obiettivi più ambiziosi è facilitare il viaggio in solitaria in Antartide di Fyodor Konyukhov. Il famoso viaggiatore ha già fatto un viaggio analogo quest'estate, vicino al Polo Nord. Ora stiamo preparando una spedizione antartica. Per il mese di dicembre stiamo progettando di recarci sul posto per una ricognizione, l'anno prossimo Fyodor realizzerà questo progetto e i nostri viaggiatori potranno assistere all'evento.
Oltre a questo, stiamo costruendo una nave da crociera con una capacità di 150 persone. E stiamo anche progettando di organizzare un concerto al Polo Nord con la partecipazione del gruppo russo Mumy Troll.
- Lei ha partecipato a spedizioni internazionali in entrambi i poli. Potrebbe dare qualche consiglio a chi sogna di fare un’esperienza analoga?
- Un viaggio del genere va fatto almeno una volta nella vita. Per un uomo è come piantare un albero, crescere un figlio, costruire una casa e... andare al Polo Nord.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала