Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mentana contro i no-vax in TV: “Mai più nel mio TG. Sulla salute non ammetto il Bar Sport”

© Foto : Roberto BaglivoArianna Ciccone e Enrico Mentana
Arianna Ciccone e Enrico Mentana - Sputnik Italia, 1920, 04.12.2021
Seguici su
Il direttore del telegiornale di La7 difende la sua decisione di non ospitare chi sostiene posizioni contro i vaccini e i negazionisti.
Ha scatenato polemiche e accuse di censura Enrico Mentana, con il suo post sui social, in cui ha annunciato che nel TG da lui diretto su La7 non ospiterà e non ha mai ospitato no-vax.
“Siamo nel pieno della fase più calda della pandemia. O remiamo tutti nella stessa direzione o il contagio ci sovrasterà nuovamente”, dice in un’intervista a Repubblica, spiegando le sue ragioni e sottolineando che quelle annunciate “sono semplicemente le regole che mi sono dato nel telegiornale che dirigo”.
Per Mentana, “bisogna porsi dei limiti” e “quando si parla di salute non si può ragionare come al Bar Sport con davanti la vaschetta delle noccioline”.

Non è una dittatura informativa

Ieri, Mentana ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un post in cui difendeva la scelta di non ospitare no-vax nel suo TG, a differenza di altre trasmissioni televisive.

“Mi onoro di non aver mai ospitato nel TG che dirigo nessun esponente dei no-vax”.

E poi ha elencato anche le altre categorie non ospitate, come i negazionisti dell’Olocausto, i terrapiattisti, coloro che credono nella teoria della sostituzione etnica o ancora chi ritiene che l’uomo non sia mai stato sulla Luna.
“Per me mettere a confronto uno scienziato e uno stregone, sul Covid come su qualsiasi altra materia che riguardi la salute collettiva, non è informazione”, ha spiegato ancora.

E su Repubblica ha aggiunto che “proprio il rapporto del Censis di ieri ci fotografa una realtà della società molto meno allineata rispetto alle indicazioni della scienza”.

Misurazione della temperatura - Sputnik Italia, 1920, 03.12.2021
L’Italia “irrazionale” della pandemia: per tre milioni di cittadini il Covid non esiste
E a chi parla di dittatura informativa risponde: “Non dare spazio a un terrapiattista o a chi associa i vaccini al 5G mi sembra una semplice ovvietà”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала