Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Zaia: “Basta tamponi gratis ai no-vax, ma l’obbligo vaccinale non ci sarà mai”

© AFP 2021 / Giuseppe GigliaLuca Zaia
Luca Zaia - Sputnik Italia, 1920, 03.12.2021
Seguici su
Il governatore del Veneto parla di priorità per la mole di test, 140mila al giorno, con un aumento dei casi tra gli studenti. Il Super green pass promosso salvaguarda la salute ed evita le chiusure.
Il governatore della Regione Veneto Luca Zaia spiega a La Stampa le ragioni della sua decisione sui tamponi anti-Covid, che non saranno più gratuiti per i no-vax: è una questione di priorità.
“Per noi il servizio al cittadino è inviolabile e non ci sono differenze di scelte vaccinali, però il problema è che ci sono le priorità e in questa fase con un’alta circolazione del virus siamo arrivati quasi al collasso dei tamponi per uso diagnostico”.
Il Veneto ne effettua 140mila al giorno e se ci sono “3.000 contagiati si debbono fare delle scelte”.
Scelte legate anche alla necessità di monitorare le scuole, dove attualmente, spiega Zaia, ci sono quasi 500 contagiati tra gli studenti: “C’è una scala di priorità che va rispettata”.
Zaia, però, resta contrario all’obbligo vaccinale che “non ci porta da nessuna parte” e “non ci sarà mai”.

Vaccinazioni ai bambini: scelta dei genitori

Il governatore del Veneto si esprime poi sull’immunizzazione dei più piccoli, la fascia 5-11 anni, per cui è arrivata l’autorizzazione dell’Aifa e ci saranno le dosi da metà dicembre.
Zaia è convinto che si tratti di una scelta dei genitori, ma ammonisce: “Noi adulti non possiamo nasconderci dietro la vaccinazione dei bambini per metterci lcuore in pace”, perché “è scandaloso che ci sia ancora un 25 /30 per cento di adulti che devono vaccinarsi. Questo è il vero tema”. Che “qualcuno, come ho sentito, sostenga che vaccinare i bambini serva per andare a tamponare la quota degli adulti che si rifiutano, non lo tollero”.

Sì al Super green pass

Infine, Zaia promuove il nuovo strumento rafforzato, voluto dal governo Draghi per controllare la pandemia.
Il Super green pass “nasce dalla necessità di non chiudere e di salvaguardare la salute”.
Il governatore ricorda che, già in zona arancione, ci sono strette decise sulle chiusure e sugli spostamenti: “Il Super green pass invece impedisce proprio che si facciano queste chiusure, garantendo l’accesso a quelli che si sono vaccinati o sono guariti”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала