Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

ONU, attesa il 6 dicembre la decisione sui rappresentanti permanenti di Afghanistan e Myanmar

© AFP 2021 / Timothy A. ClaryAssemblea generale dell'ONU
Assemblea generale dell'ONU  - Sputnik Italia, 1920, 03.12.2021
Seguici su
Il 6 dicembre l'Assemblea generale delle Nazioni Unite esaminerà il rapporto del Comitato delle credenziali che in precedenza aveva deciso di rinviare la decisione su chi rappresenterà l'Afghanistan e il Myanmar nell'organizzazione internazionale, ha affermato la portavoce del presidente dell'Assemblea generale Paulina Kubiak.
"L'Assemblea generale dovrebbe esaminare questa domanda lunedì 6 dicembre", ha affermato la portavoce, riferendosi al rapporto sugli esiti della riunione del comitato tenutasi in precedenza.
Il comitato aveva rinviato la decisione sulla rappresentanza dell'Afghanistan e del Myanmar presso l'ONU. I rappresentanti permanenti di Myanmar e Afghanistan presso le Nazioni Unite, considerati illegittimi dai nuovi governi dei suddetti stati, continueranno a ricoprire le loro cariche fino a quando il comitato non prenderà una decisione a riguardo.
Il Comitato delle credenziali è composto da nove membri. Tra gli altri, include rappresentanti della Federazione Russa, della Cina e degli Stati Uniti. Il comitato si riunisce ogni anno in autunno e valuta le domande di tutti i 193 paesi membri sulle credenziali dei loro rappresentanti presso le Nazioni Unite nel corso dell'attuale sessione dell'Assemblea generale e formula raccomandazioni, che vengono poi approvate dalla decisione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.
Quest'anno il comitato ha attirato particolare attenzione della stampa, poiché le forze salite al potere in Afghanistan e Myanmar hanno dichiarato l'illegittimità dei rappresentanti permanenti nominati dalle precedenti autorità. Nel frattempo, gli attuali rappresentanti permanenti non intendono lasciare le proprie cariche.
In precedenza, il movimento Talebani* ha inviato una lettera all'ONU in cui ha affermato che il rappresentante permanente dell'Afghanistan, nominato dal governo precedente, Ghulam Isaczai, non rappresenta più il Paese nell'organizzazione. I talebani hanno annunciato di aver nominato un nuovo rappresentante afghano all'ONU, Muhammad Suhail Shaheen. Da quando i talebani sono saliti al potere, Isaczai li ha ripetutamente criticati alle Nazioni Unite. In particolare, ha sostenuto che il governo che hanno formato non era inclusivo e li ha anche accusati di violazioni dei diritti umani.
Il rappresentante permanente del Myanmar presso le Nazioni Unite, Kyaw Moe Tun, nominato prima del cambio di potere nel Paese, si è espresso contro i militari e ha sostenuto apertamente il movimento di opposizione. L'attuale amministrazione militare ritiene che Kyaw Moe Tun non rappresenti il Paese.
*Organizzazione soggetta a sanzioni delle Nazioni Unite per attività terroristiche
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала