Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sondaggio Demopolis: ecco quanti italiani a favore di Draghi, saldo al governo

© Karwai TangMario Draghi al COP26
Mario Draghi al COP26 - Sputnik Italia, 1920, 02.12.2021
Seguici su
Dall'ultimo sondaggio dell'istituto Demopolis esce vincitore Mario Draghi, con una buona percentuale delle preferenze. Altri lo vedrebbero, invece, bene al Quirinale. Tra le figure politiche più amate e rispettate dal popolo italiano figurano Sergio Mattarella, ancora Draghi e l'ex premier Giuseppe Conte.
Secondo l'ultimo sondaggio dell'Istituto Demopolis, istituto diretto da Paolo Vento, che "analizza le dinamiche sociali, politiche ed economiche del Paese, realizzando studi, indagini e progetti di ricerca qualitativa e quantitativa", per citare l'istituto stesso, si delinea un quadro politico interessante nella Penisola: intanto, se si dovesse andare ad elezioni anticipate, il Pd sarebbe saldo al primo posto, seguito, come visto in questi giorni, da Fdi.
Su 1.800 persone toccate dal sondaggio, ben il 56% vede Mario Draghi come figura di riferimento, indicandolo nelle preferenze che lo vedono alla Guida di governo fino al 2023. Il 21% si schiera a favore di un Mario Draghi al Quirinale, cosa che aprirebbe però alle elezioni anticipate, dato il vuoto di governo che ne deriverebbe.
Le figure politiche che escono dal sondaggio come più amate dal popolo italiano sono: Sergio Mattarella, a quota 67%; ancora il premier Mario Draghi, con un 62%; e, al terzo posto, l'ex premier Giuseppe Conte, con un 41%. A seguire, la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, a quota 38%.
Sorpresa per il dato su Silvio Berlusconi, a quota 31%, a pari merito con Matteo Salvini.
Il quadro che esce dal sondaggio nei confronti della situazione dei partiti è il seguente:

Il Pd, se si dovessero anticipare le elezioni, avrebbe circa il 21% dei consensi; Fratelli di Italia si attesterebbe ad un 20%; la Lega si vedrebbe piazzata ad un terzo posto, con un 19%, e M5s avrebbe il 16% circa. Forza Italia si fermerebbe al 7%. Renzi, con la sua formazione, Italia Viva, otterebbe un ben misero 2%.

Enrico Letta, segretario del Partito Democratico - Sputnik Italia, 1920, 30.11.2021
Il sondaggio che spiazza il Pd: "Ora gli operai preferiscono Lega e FdI"
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала