Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Facebook, rimossa intera rete di account no-vax in Italia e Francia

© REUTERS / Carlos BarriaUna donna si da una foto sotto il logo di Meta
Una donna si da una foto sotto il logo di Meta - Sputnik Italia, 1920, 02.12.2021
Seguici su
Il social network ha pubblicato un nuovo rapporto, in cui afferma di aver chiuso una serie di reti di account per il comportamento inautentico coordinato (CIB). Tra queste, una “rete di account nata in Italia e in Francia”, dal carattere cospirativo anti-vaccino che avrebbe preso di mira medici, giornalisti e funzionari pubblici, chiamata V_V.
Le principali tecniche utilizzate dalla serie di account, alcuni reali, altri inventati, contro i quali la Meta Platforms Inc. (nuovo nome della compagnia che dal 28 ottobre controlla la rete Facebook e Instagram) si è scagliata si chiamano Brigading e Mass Reporting.
Il Brigading consiste nell'uso di commenti negativi e contrattacchi di massa, per soffocare i post di un account singolo con punto di vista contrario a quello del gruppo coordinato di attacco, mentre il Mass Reporting consiste nell’abuso degli stessi strumenti anti-molestie messi a disposizione di Facebook, ad esempio quando in massa arrivano segnalazioni di violazioni da parte di un account, che in realtà violazioni concrete non ne aveva commesse.
Queste tecniche venivano ampiamente utilizzate da una rete di account collegata al movimento no-vax chiamato V_V, operante in Italia e Francia, secondo la società californiana. In maniera coordinata, questi avrebbero preso di mira medici, giornalisti, uomini politici con ''molestie di massa'' per le loro posizioni a favore della vaccinazione. Con una serie di account autentici, duplicati e falsi, avrebbero sovraccaricato di commenti i post delle persone prese di mira per intimidirle e soffocare le loro opinioni, si sostiene.
Il rapporto Facebook resoconta anche su altre grandi azioni di ban, intraprese nel mondo per contrastare il cosiddetto CIB (Comportamento Inautentico Coordinato).
In Vietnam è stata abbattuta una intera rete che veniva utilizzata per prendere di mira attivisti e utenti critici nei confronti del governo, in Palestina Meta ha eliminato una rete che sarebbe stata legata ad Hamas, in Polonia e Bielorussia gruppi che sarebbero stati creati per esacerbare le tensioni durante la crisi umanitaria dei profughi al confine, infine in Cina sarebbero stati eliminati una serie di account che avrebbero favorito la diffusione della presunta notizia falsa di un biologo svizzero chiamato Wilson Edwards contrario ai vaccini, ma che, secondo i revisori, non esisterebbe affatto.
Facebook ha inoltre annunciato che non si fermerà qui e di aver lanciato un nuovo strumento che consentirà ai ricercatori OSINT (Open Source Intelligence) di studiare le cosiddette ‘reti di disinformazione’ e che includerà la memorizzazione di qualsiasi contenuto rimosso dall'azienda, consentendo a un piccolo elenco di terze parti approvate di analizzarlo.
Finora, l'accesso è stato limitato alle squadre del Digital Forensic Research Lab presso l'Atlantic Council, dello Stanford Internet Observatory, dell'Australian Strategic Policy Institute, di Graphika e dell'Università di Cardiff.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала