Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Norvegia, direttore sanitario: tre dosi forse non sono sufficienti, potrebbero servirne quattro

© Foto : University Museum of BergenTempio pagano di 1.200 anni in onore di Thor e Odino portato alla luce in Norvegia
Tempio pagano di 1.200 anni in onore di Thor e Odino portato alla luce in Norvegia - Sputnik Italia, 1920, 02.12.2021
Seguici su
Sebbene l'attuale definizione norvegese di "completamente vaccinato" significhi ancora due iniezioni, questo potrebbe cambiare, se il nuovo ceppo Omicron dovesse dimostrarsi più virulento, ha suggerito il responsabile capo della salute nel paese scandinavo.
Il direttore sanitario norvegese Bjørn Guldvog ha sostenuto che tre dosi del vaccino anti COVID potrebbero non essere sufficienti e una quarta potrebbe essere necessaria già questa primavera.
L'obiettivo attuale del governo è che l'intera popolazione adulta ottenga il cosiddetto richiamo prima di Pasqua, ma il direttore sanitario Bjørn Guldvog non è affatto certo che questa sarà l'ultima dose di cui le persone avranno bisogno.

"Dobbiamo essere preparati al fatto che tre dosi di vaccino contro il coronavirus potrebbero non essere sufficienti", ha detto Guldvog al canale radiofonico P4.

Tra i timori che la nuova variante Omicron possa diventare dominante, i produttori di vaccini stanno prendendo in considerazione l’ipotesi di nuove dosi mirate specificamente a sconfiggere la nuova variante.
"Penso che lo faranno e che i nuovi vaccini inizieranno a essere disponibili da marzo ad aprile", ha detto Guldvog, che tuttavia, ha sottolineato come sia tutt’altro che certo che tali vaccini potranno essere disponibili nel suo paese già a marzo o aprile.
"Pertanto, dipendiamo dall'avere un buon tasso di vaccinazione con quelli che già abbiamo", ha sostenuto Guldvog.

“Dobbiamo guardare all'effetto che avrà il nuovo ceppo. Non è certo che essere completamente vaccinati significherà la stessa cosa quando la nuova variante diventerà dominante", ha spiegato il direttore sanitario, riflettendo sul significato della definizione attuale di ‘completamente vaccinato’.

Bjørn Guldvog ha sottolineato che è presumibile che il nuovo ceppo possa portare alla reintroduzione di alcune restrizioni, ma è improbabile che possa portare a veri e propri nuovi lockdown.
Ad oggi, l'87,8 percento di tutti i norvegesi adulti è stato vaccinato con due iniezioni. Tuttavia, nonostante l'alto livello di vaccinazione, le infezioni da COVID-19 in Norvegia sono attualmente al loro apice, con un record di 4.045 casi registrati nelle ultime 24 ore e 38 decessi, secondo l'ultimo bollettino.
In tutto, dall’inizio della pandemia, il paese scandinavo, di appena 5,2 milioni di abitanti, ha registrato circa 268.000 infezioni e 1.092 decessi correlati al coronavirus.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала