Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Green pass, sciopero di 4 ore del trasporto pubblico: "Discrimina i lavoratori"

© Foto : Marco Minna - © Agenzia NovaLa sindaca Virginia Raggi inaugura il Corridoio Laurentino, ovvero il tratto di corsia preferenziale per autobus su via Laurentina
La sindaca Virginia Raggi inaugura il Corridoio Laurentino, ovvero il tratto di corsia preferenziale per autobus su via Laurentina - Sputnik Italia, 1920, 02.12.2021
Seguici su
Gli autisti di tram, autobus, metropolitana e treni dell'Ugl incroceranno le braccia per protestare contro il certificato verde anti-Covid e chiedere tamponi gratuiti per i lavoratori.
Ancora proteste contro il green pass. Stavolta a incrociare le braccia saranno gli autisti di bus, tram e metropolitana iscritti all’Ugl Autoferro e Ugl Ferrovieri. L’agitazione “politica plurisettoriale” di 4 ore, come si legge sul Corriere della Sera, è stata proclamata a livello nazionale per la giornata di venerdì.
Si prevede un blocco parziale del trasporto pubblico milanese dalle 18 alle 22 e le linee ferroviarie di Trenord dalle 9 alle 17. Il servizio sarà assicurato nelle fasce di garanzia e per i treni diretti in aeroporto. In caso di annullamento delle corse, sono stati predisposti dei pullman che garantiranno i collegamenti tra la stazione Cadorna e Malpensa.
L’adesione prevista fra gli autisti di metropolitana, autobus e tram, invece, è prevista attorno al 40 per cento.

Lo sciopero interesserà anche la Capitale, dove i lavoratori di autobus, tram, metro e ferrovie urbane incroceranno le braccia dalle 8:30 alle 12:30. Anche qui il servizio sarà garantito nelle fasce protette.

I sindacati chiedono che le aziende stipulino delle “convenzioni ad hoc”, per far sì che i tamponi possano essere gratuiti per tutti i lavoratori.
Con l’introduzione dell’obbligo del green pass per accedere ai luoghi di lavoro, per l’Ugl, si è verificata una “reale e tangibile discriminazione tra lavoratori e nell’organizzazione del lavoro”.
La stessa organizzazione, in un comunicato riportato da Roma Today, denuncia "la discriminazione in essere tra lavoratori in possesso e non di green pass”, oltre alle “intimidazioni e le ritorsioni che stanno verificandosi vista l’autonomia decisionale lasciata alle aziende per stabilire le procedure aziendali in materia di applicazione del green pass”.
I lavoratori iscritti all’Ugl, inoltre, incroceranno le braccia anche per “l’assenza di tutela per gli operatori front line vittime degli effetti post Covid”.
Dal prossimo 6 dicembre, il green pass sarà richiesto anche ai passeggeri che saliranno sui mezzi pubblici. Per controllare il rispetto delle regole, verranno effettuate verifiche a campione.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала