Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Enrico Letta sulla candidatura di Berlusconi per il Quirinale: non può essere sostenuto dal Pd

© AP Photo / Riccardo De LucaEnrico Letta
Enrico Letta - Sputnik Italia, 1920, 01.12.2021
Seguici su
Il leader del Pd espone un netto 'no' all'ipotesi di sostenere la candidatura di Berlusconi al Colle.
Si è espresso con un secco no all'ipotesi di appoggio da parte del partito democratico alla candidatura di Silvio Berlusconi al Quirinale.
Letta, intervenuto alla trasmissione Cartabianca, noto talk-show televisivo in onda su Rai3, si è espresso così sul merito:

"Il Pd non voterebbe Berlusconi al Colle? Non mi sembra ci siano dubbi. Non credo che la candidatura di Berlusconi sia in grado di essere votata dal Pd e nemmeno da un larga maggioranza".

Le dichiarazioni del leader Pd non lasciano dubbi. Rincara poi la dose, aggiungendo:

"Ho pronosticato che il presidente o la presidente sia eletto da una larga maggioranza. E anche dall'opposizione. È per il bene del Paese".

Eppure, piano piano, l'appoggio ad una possibile candidatura dell'ex premier al Colle si rinforza, a pochi mesi dalle elezioni. La battaglia per la conquista del Quirinale resta aperta, con voci che rimbalzano sui media e che vedono nella rosa di possibili candidati Mario Draghi in primis, poi sono circolati nelle ultime settimane, tra i papabili, anche Gianni Letta, Pierferdinando Casini e Giuliano Amato.
E ancora Marta Cartabia, attuale ministro della Giustizia, nonché presidente emerito della Corte costituzionale.
L'ex premier italiano Silvio Berluxconi è presente a un incontro con il presidente russo Dmitry Medvedev nell'ambito del Consiglio Russia-NATO - Sputnik Italia, 1920, 23.11.2021
L'assist del Ppe a Berlusconi, Weber: "Molto ragionevole pensare a lui per il Quirinale"
Qualcuno aveva fatto anche il nome di Liliana Segre, sebbene la senatrice a vita, sopravvissuta alla Shoah, aveva risposto così in merito:
"Non ho la competenza e ho 91 anni".
Anche Romano Prodi, indicato da alcuni come possibile candidato al Quirinale, si era tirato indietro, anch'egli adducendo l'età a motivo del rifiuto alla candidatura.
La corsa è aperta, ma a porre un vero e proprio veto all'appoggio del possibile candidato Silvio Berlusconi ci ha pensato Enrico Letta del Pd, facendo tra l'altro sapere che il candidato ideale dovrà avere un largo appoggio, ed una larga maggioranza, pena la caduta di governo:
"L'elezione del nuovo capo dello Stato non potrà che essere a larga maggioranza o cade il governo".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала