Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bielorussia, Blinken annuncia un pacchetto di sanzioni USA coordinate con UE

© SputnikIl segretario di Stato Antony Blinken
Il segretario di Stato Antony Blinken - Sputnik Italia, 1920, 01.12.2021
Seguici su
Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha rilasciato i suoi commenti dopo una riunione dei ministri degli Esteri della Nato, che si è svolta oggi nella capitale lettone, a Riga.
Antony Blinken ha annunciato oggi che gli Stati Uniti stanno preparando nuove sanzioni contro la Bielorussia, insieme a partner europei ed altri alleati.

"Gli Stati Uniti stanno preparando ulteriori sanzioni, in stretto coordinamento con l'Unione Europea ed altri partner ed alleati", ha affermato Blinken.

All'inizio della giornata, Bloomberg ha riferito che l'Unione Europea dovrebbe approvare sanzioni contro la compagnia di bandiera bielorussa Belavia e il vettore aereo siriano Cham Wings Airlines per la crisi dei migranti. L'elenco delle sanzioni segnalate include anche il produttore di fertilizzanti azotati Grodno Azot e il produttore di petrolio Belarusneft, nonché funzionari e giudici di frontiera bielorussi. In totale, secondo quanto riferito, l'UE prevede di sanzionare 17 persone e 11 organizzazioni.
Parlando a Riga, dopo la riunione a livello di ministri della Nato, il segretario di Stato americano ha inoltre affrontato la situazione al confine ucraino, riferendosi, in particolare, alle recenti accuse secondo cui la Russia starebbe pianificando di "invadere" l'Ucraina. Blinken, tuttavia, ha riconosciuto che non si sa se Putin "ha preso la decisione di invadere".

"Sappiamo che sta mettendo in campo la capacità per farlo in breve tempo se lo decidesse", ha detto Blinken.

Il segretario di Stato ha espresso le "gravi" preoccupazioni di Washington sul fatto che Mosca abbia pianificato un'incursione in Ucraina per destabilizzare il paese, sostenendo che questi "piani" includono "sforzi per destabilizzare l'Ucraina dall'interno e operazioni militari su larga scala".
Ha inoltre osservato che la Nato non ha alcuna intenzione aggressiva nei confronti di Mosca, quando si tratta dell'avanzamento dell'infrastruttura militare dell'alleanza nelle vicinanze dei confini della Russia.
"Ogni passo che intraprendiamo è progettato per assicurarci di disporre di misure difensive efficaci per proteggere i membri dell'alleanza", ha affermato Blinken.
Blinken ha continuato, rivelando di aver "trovato un'enorme solidarietà su tutta la linea per implementare misure forti, se la Russia invaderà l'Ucraina e commetterà nuovi atti di aggressione".
In precedenza, il Cremlino aveva espresso le sue preoccupazioni in merito allo spostamento delle infrastrutture militari da parte della Nato in prossimità dei confini della Russia, con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov che ha avvertito che Mosca "prenderà tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza nazionale".
Sullo sfondo delle roventi tensioni sul confine ucraino, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha dichiarato martedì che Minsk offrirà a Mosca la possibilità di schierare armi nucleari in Bielorussia, se armamenti simili della Nato saranno dislocati in Polonia.
Commentando questa dichiarazione, il ministro russo Lavrov ha affermato che si tratta di "un avvertimento molto serio" per l'Occidente, "dettato" dalla "politica sconsiderata" che persegue. In particolare, il ministro degli Esteri russo ha espresso gravi preoccupazioni per il tentativo della Nato di trascinare l'Ucraina nella sua orbita e "provocare" Kiev ad intraprendere azioni "anti-russe".
Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha affermato oggi che la Russia non ha il diritto di bloccare le aspirazioni euroatlantiche di Kiev.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала