Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Omicron, gli italiani bloccati in Marocco: "All'aeroporto scene di disperazione"

© Sputnik . Natalia Seliverstova / Vai alla galleria fotograficaDonna araba, Marocco
Donna araba, Marocco - Sputnik Italia, 1920, 30.11.2021
Seguici su
L'appello di un gruppo di connazionali bloccati nel Paese nordafricano, dopo la decisione del governo di chiudere le frontiere per bloccare la diffusione della nuova variante del virus: "Fate qualcosa per farci tornare a casa".
“Fate qualcosa per farci tornare a casa”. È l’appello degli almeno 20 italiani bloccati in Marocco dopo la decisione del Paese di bloccare tutti i collegamenti in entrata e in uscita per due settimane, dal 29 novembre al 12 dicembre.
La decisione è stata presa nei giorni scorsi dal Comitato interministeriale sulla pandemia Covid, per contrastare la diffusione della variante Omicron. All’aeroporto di Marrakesh, migliaia di passeggeri da tutto il mondo si sono visti negare l’imbarco.
Claudia Lanteri, consulente sui finanziamenti europei di Bolzano, arrivata in Marocco la settimana scorsa e bloccata assieme ad altri 19 connazionali nel Paese nordafricano, racconta le “scene di disperazione” a cui ha assistito nello scalo:

“Tutti i desk erano chiusi, – racconta in un video, pubblicato dal Corriere della Sera - le persone si ammassavano per ricevere informazioni negli unici desk aperti, tutto questo a causa della variante sudafricana”.

La donna racconta di aver tentato anche di raggiungere Tangeri per raggiungere la Spagna con un traghetto. “Ma anche quelle sono bloccate”, continua la testimonianza.
“Non sappiamo quando poter ritornare, non c’è nessun motivo per bloccare i voli qui”, incalza ancora la donna, che si fa portavoce del gruppo composto da 4 trainer e 16 ragazzi e ragazze provenienti da tutta Europa.
Bandiera israeliana - Sputnik Italia, 1920, 28.11.2021
Variante Omicron, Israele chiude le frontiere a scopo precauzionale
L’appello al governo è di cercare di sbloccare la situazione per poter consentire il rientro nel nostro Paese. “Ognuno di noi – conclude la donna – ha impegni lavorativi ed affetti che li aspettano a casa”.
In Marocco, come ricorda Il Messaggero, ci sono stati in totale più di 949mila casi di Covid e oltre 14mila decessi dall’inizio della pandemia.
Le autorità hanno lanciato la campagna vaccinale, che finora ha raggiunto circa 23 milioni di marocchini.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала