Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

'House of Gucci', gli eredi minacciano causa a Riddley Scott per il film

© REUTERS / Flavio Lo ScalzoLady Gaga alla presentazione del suo film "House of Gucci" a Milano
Lady Gaga alla presentazione del suo film House of Gucci a Milano - Sputnik Italia, 1920, 30.11.2021
Seguici su
I membri della famiglia della famosa casa di moda Gucci hanno espresso disappunto per come sono stati raffigurati nel film 'House of Gucci', minacciando di intentare una causa contro il regista del film, Ridley Scott.
House of Gucci di Riddley Scott è un film poliziesco biografico, ispirato alla vera storia della casa di moda italiana di lusso Gucci. Il film presenta Lady Gaga nei panni di Patrizia Reggiani, condannata per l'assassinio dell'erede della moda Maurizio Gucci, interpretato da Adam Driver, negli anni '90.
In una dichiarazione rilasciata dagli eredi di Aldo Gucci, che è stato presidente della casa di moda Gucci dal 1953 al 1986, si legge: "La produzione del film non si è preoccupata di consultare gli eredi prima di descrivere Aldo Gucci, presidente della società per 30 anni, mentre i membri della famiglia vengono rappresentati come delinquenti, ignoranti e insensibili al mondo che li circonda. Tutto ciò è estremamente doloroso da un punto di vista umano e un insulto all'eredità su cui il marchio è tutt’oggi costruito".
Il film è basato sul libro del 2000 The House of Gucci ed è una storia sensazionale di omicidio, follia, glamour e avidità, con Al Pacino nei panni di Aldo Gucci, Jeremy Irons in quelli del fratello Rodolfo e Adam Driver che interpreta il nipote Maurizio, che ha rilevato l'azienda fino a quando non è stato assassinato nel 1995 da un sicario ingaggiato dalla sua ex moglie, Patrizia Reggiani, interpretata da Lady Gaga.
La Reggiani venne condannata nel 1998 per aver favorito l'omicidio di Maurizio Gucci.
Nella dichiarazione, la famiglia Gucci si oppone anche alle "dichiarazioni dei membri del cast", che difendono la Reggiani, vista, secondo loro, come "una vittima che cerca di sopravvivere in una cultura aziendale maschilista".
I Gucci sostengono, al contrario, di essere una "società inclusiva" e che negli anni '80, il periodo in cui il film è in gran parte ambientato, vi erano un certo numero di donne in posizioni chiave nell’azienda.
"Gucci è una famiglia che vive onorando il lavoro dei suoi antenati, la cui memoria non merita di essere disturbata per mettere in scena uno spettacolo non realistico e che non rende giustizia ai suoi protagonisti", lamenta la dichiarazione della famiglia.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала