Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sicurezza sul lavoro 336 mila infortuni dichiarati nel 2020: dati Istat

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaLavoro in fabbrica
Lavoro in fabbrica - Sputnik Italia, 1920, 29.11.2021
Seguici su
L’Istat ha appena reso noti i dati raccolti nel 2020 riguardo la sicurezza sul lavoro e riporta che “sono 366 mila le persone che dichiarano di aver subito – nei dodici mesi precedenti l’intervista – almeno un infortunio sul luogo di lavoro”.
Si tratta, precisa l’Istat “dell’1,4% di coloro che nel periodo considerato hanno svolto un’attività lavorativa (circa 25 milioni 544mila individui, tra i quali, 22 milioni 827mila risultano occupati anche al momento dell’intervista). Se il valore viene calcolato sulla popolazione tra i 15 e i 64 anni (così da permettere il confronto con i dati degli altri paesi europei) la quota sale a 1,5% contro il 2,4% della media”.
L’Istat invita a prendere con cautela questi dati perché sono stati rilevati nell’anno della pandemia che ha rappresentato un unicum, e per questo sono difficilmente comparabili con la stessa raccolta dati fatta nel 2013 e ancora in precedenza nel 2007.
“Nel 2020, infatti, oltre tre milioni di persone non sono state esposte al rischio infortuni in quanto assenti dal lavoro a causa delle misure governative contro la pandemia di SARS-CoV-2.”
In pratica i dati ci collocherebbero come paese sotto la media europea degli incidenti sul lavoro. Dati, però, che non rispecchiano il 2021 che ha visto un aumento sensibile e senza precedenti di morti sul lavoro praticamente quotidiani e plurimi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала