Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lo stragista Breivik continua ad inviare lettere ai sopravvissuti con estratti del suo manifesto

© AFP 2021 / POOL / HEIKO JUNGEAnders Behring Breivik
Anders Behring Breivik - Sputnik Italia, 1920, 29.11.2021
Seguici su
Il terrorista Anders Behring Breivik, che attualmente sta scontando la pena più lunga prevista in Norvegia (21 anni), sta ancora inviando numerose lettere dal carcere alle sue vittime e sopravvissuti, in cui ripete il messaggio del suo manifesto politico enunciato prima dell’attacco al quartiere governativo e nell’isola di Utøya nel 2011.
Nel suo manifesto pubblicato prima del duplice attacco terroristico, il più mortale nella storia della Norvegia in tempo di pace, Anders Breivik si scagliava contro il multiculturalismo, l'Islam e acusava il femminismo di "suicidio culturale dell'Europa".
Tra gli altri, Lisbeth Røyneland, la leader del Gruppo di supporto del 22 luglio, che ha perso sua figlia nell'attacco di Breivik, ha ricevuto una lettera stampata di otto pagine firmata da Breivik, che l'emittente nazionale NRK ha descritto come "costituita da propaganda del potere bianco". Lettere simili sono state inviate alla Lega della Gioventù del Partito Laburista, presa di mira sull'isola di Utøya dall’assassino, rappresentanti parlamentari e altri che ricoprono cariche pubbliche.
"Penso che lo faccia per farci reagire in modo da attirare l'attenzione. Ma la considero una molestia. Vuole farci sapere che è lì e vuole spaventarci in un certo modo", ha detto Lisbeth Røyneland all'emittente nazionale NRK. "Ed è del tutto insostenibile che un assassino di massa possa inviare lettere alle sue vittime. Questo è del tutto inaccettabile", ha affermato.
Anche il deputato del partito laburista e sopravvissuto a Utøya, Torbjørn Vereide, ha ricevuto una lettera dal suo aggressore.
"Ho avuto un nodo allo stomaco. Penso che fosse terribilmente imbarazzante, ad essere completamente onesti", ha detto Vereide. "C'è qualcosa di un po' assurdo in qualcuno che ti ha puntato un'arma contro e ha sparato e ha cercato di ucciderti, e che ora ti manda una lettera", ha detto il deputato, sottolineando l'importanza di contrastare le "svastiche verbali" del terrorista condannato.
Nel 2016, Breivik aveva inviato e ricevuto circa 3.000 lettere. Tuttavia, un tribunale ha successivamente concluso che era necessario un rigido regime di controllo, al fine di impedirgli di stabilire contatti con persone che la pensano allo stesso modo al di fuori del carcere.
Erling Fæste, vicedirettore del servizio carcerario e di libertà vigilata, si è impegnato a garantire che vittime e sopravvissuti non ricevano lettere. Ha sottolineato che il motivo per cui le lettere sono attualmente consentite è l’Atto di Esecuzione delle Sentenze che dice che i detenuti dovrebbero avere il diritto di farlo, a meno che non possa portare a nuovi reati.
Il difensore di Breivik, Øystein Storrvik, ha affermato che il suo cliente è già sottoposto a "condizioni estremamente rigide" quando si tratta di comunicare con il mondo esterno. “È difficile immaginare che possa esservi una base legale per un ulteriore inasprimento", ha spiegato.
Vidar Strømme, direttore dell'Istituto norvegese per i diritti umani, ha sostenuto che la punizione per i prigionieri è la privazione della libertà, ma non di altri diritti.
"È importante che tu possa usare la libertà di espressione, anche in carcere. È un principio fondamentale", ha affermato Strømme. Tuttavia, ha sostenuto, "esiste la possibilità di ottenere un ordine restrittivo se esiste il pericolo di un'azione penale personale".
Anders Behring Breivik è conosciuto come l'assassino di massa più letale nella storia della Norvegia in tempo di pace per il suo duplice attacco contro il quartiere governativo di Oslo e il campo della gioventù laburista sull'isola di Utøya nel 2011, che costò la vita a 77 persone e il ferimento di oltre 150.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала