Statali, Brunetta: "Cambio di sangue delle PA, stipendi più alti per fare concorrenza ai privati"

© AP Photo / Pier Paolo CitoMinistro per la pubblica amministrazione nel governo Draghi, Renato Brunetta
Ministro per la pubblica amministrazione nel governo Draghi, Renato Brunetta - Sputnik Italia, 1920, 28.11.2021
Seguici suTelegram
Reclutamenti più veloci, progressioni di carriera più fluide, nuovi contratti, vaste campagne di formazione, retribuzioni più alte: queste le novità annunciate dal ministro per la Pubblica Amministrazione.
"Sono ottimista, in cinque anni faremo un cambio del sangue della Pa". Il ministro Renato Brunetta, in un'intervista al Messaggero, parla dell'impatto a livello globale della pandemia sul mercato del lavoro e dei piani del settore pubblico per competere con il privato nel reclutamento di lavoratori specializzati.
"La strategia che abbiamo messo in campo è molto articolata: reclutamenti più veloci, progressioni di carriera più fluide, nuovi contratti, vaste campagne di formazione, retribuzioni più alte", afferma il ministro della Pubblica Amministrazione.
Brunetta mette a fuoco una discrepanza tra la domanda crescente di lavoro delle imprese e l'offerta dei lavoratori, che è, invece, rimasta stabile. Il disequilibrio sul mercato sul lavoro è un fenomeno globale, legato alla pandemia, che spinge ad un aumento dei salari e impone un cambiamento del paradigma nel settore pubblico, facilitato dal Pnrr.

"È chiaro che finora la Pa non è stata attrattiva, - spiega - soprattutto per le figure ad alta specializzazione che, invece, saranno le più richieste, ed è altrettanto chiaro che la competizione con il privato sarà altissima".

Per facilitare l'incontro fra domanda e offerta, il ministro annuncia un portale con una mappa digitale e continuamente aggiornata delle opportunità nelle singole amministrazioni italiane, per garantire una modalità più efficiente per le candidature.
Il fattore di attrazione sarà garantito, inoltre, dalle assunzioni, che arriveranno dopo 100 giorni, e dalla digitalizzazione.
"Già da oggi - sottolinea - un giovane che partecipa a un concorso si rende conto che l'aria è cambiata: tutto digitale, via carta e penna".
Inoltre, ci sarà una riserva del 40% nei concorsi pubblici per chi ha un'esperienza di lavoro a termine nell'ambito del Pnrr.

Lavoro in presenza e a distanza

Sul lavoro in presenza, tornato ad essere la modalità ordinaria per la Pa, afferma che è stato abbandonato lo "smart working fai-da-te" e si sta disegnando "un vero lavoro agile", con nuove regole contrattuali, organizzative e volto al consumatore.
Tra le novità, Brunetta annovera l'abbandono di dispositivi personali per piattaforme sicure e l'adozione dei Piani integrati di attività e organizzazione (Piao).

Covid

Sulla situazione sanitaria in Italia, Brunetta mostra una visione ottimista e frena le preoccupazioni per la nuova variante isolata in Africa australe.
"Siamo nella condizione migliore dal punto di vista sanitario per prendere tutte le decisioni necessarie. - osserva - Il governo, in accordo con tutti gli Stati europei, ha già bloccato per precauzione i voli da diversi Stati africani. Ma della variante Omicron si sa ancora poco, non si può già dire che è più pericolosa o che buca i vaccini".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала