Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Inchiesta Juve: plusvalenze sospette per 282 milioni, spunta il nome di Cristiano Ronaldo

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaCristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo - Sputnik Italia, 1920, 27.11.2021
Seguici su
Il fuoriclasse portoghese non è indagato, ma i suoi rapporti economici con il club bianconero sono sotto la lente della procura torinese.
Nell'inchiesta sui conti della Juventus spunta il nome di Cristiano Ronaldo. Gli accertamenti della Procura di Torino riguardano anche i rapporti economici tra il calciatore e il club bianconero. I militari delle Fiamme Gialle hanno ricevuto l'incarico di cercare "documenti e scritture private" relative al contratto e alle retribuzioni arretrate. Il fuoriclasse portoghese non risulta indagato.
Alla base dell'indagine della Procura torinese e della Guardia di Finanza ci sono plusvalenze per 282 milioni in tre anni, "connotate da valori fraudolentemente maggiorati", per cui sono indagati i vertici della società bianconera per i reati di falso in bilancio e false fatturazioni.
Secondo gli inquirenti, sarebbe Fabio Paratici, ex Chief football officer della Juventus, "l'artefice della pianificazione preventiva delle plusvalenze", ma il Cda della società bianconera, e "in primis il presidente Andrea Agnelli", erano consapevoli della sua condotta.
"Hanno chiesto di fa' le plusvalenze", "che almeno Fabio (Paratici - ndr), dovevi fa' le plusvalenze e facevi le plusvalenze", si sente in una delle intercettazioni di cui si sono avvalsi gli inquirenti nel corso delle indagini.
Da altre intercettazioni emerge che negli ambienti della Juve era chiaro che le difficoltà non derivavano soltanto dall'emergenza sanitaria. In una conversazione si sente dire: "sì ma non era solo il Covid e questo lo sappiamo bene".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала