Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Balneari, Meloni scrive a Draghi: "Scenario catastrofico, si eviti l'esproprio per migliaia"

© Sputnik . Natalia Seliverstova / Vai alla galleria fotograficaTuristi in spiaggia
Turisti in spiaggia - Sputnik Italia, 1920, 27.11.2021
Seguici su
La leader di Fratelli d'Italia sollecita un'immediata iniziativa legislativa con adeguata e incisiva azione in sede comunitaria.
Mettere in sicurezza il settore stabilimenti balneari, nonché porti turistici, alberghi e altri esercizi. E' questa la richiesta di Giorgia Meloni inoltrata in una lettera al premier Draghi, per sollecitare un'immediata iniziativa legislativa con adeguata e incisiva azione in sede comunitaria.
Le sentenze del Consiglio di Stato del 9 novembre scorso, che impongono le aste per le concessioni dal 1 gennaio 2024, aprono uno "scenario catastrofico" per il settore balneario, con il rischio di un esproprio di fatto per tutte quelle imprese che non riusciranno a competere con gli investitori stranieri.
"Si eviti l'esproprio per migliaia", chiede Meloni.
Nella lettera la leader di Fratelli d'Italia mette a disposizione del governo le proposte depositate negli anni dal suo partito, che ha annunciato la presentazione di provvedimenti sulla materia in tutti i Consigli regionali.
Cita poi i casi "ben più eclatanti come quelli di Spagna e Portogallo, i cui legislatori hanno normato il settore disponendo proroghe lunghissime senza incorrere in alcuna sanzione" da parte della Commissione Ue.
Meloni invita il premier a convocare al più presto le associazioni di categoria per discutere la questione.
"Mi auguro, signor Presidente – conclude – che non lasci cadere questo grido di allarme e che assuma le iniziative conseguenti per tutelare un pezzo fondamentale del nostro comparto turistico".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала