Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bertolaso: “La sfida si gioca adesso, vaccinare a febbraio sarebbe tardi”

Guido Bertolaso - Sputnik Italia, 1920, 25.11.2021
Seguici su
La Regione Lombardia punta a 100mila terze dosi al giorno. Per il responsabile della campagna anti-Covid regionale, bisogna intervenire adesso per evitare un Natale sotto pressione per gli ospedali.
L’obiettivo è raggiungere la quota di 100mila terze dosi ogni giorno, per ottenere due milioni di richiami entro Natale e così “abbattere il picco”.
Guido Bertolaso, responsabile della campagna anti-Covid in Lombardia, parla al Corriere della Sera e sottolinea che lo sforzo di immunizzazione si deve fare adesso, non è rimandabile.

"Lunedì faremo 60mila terze dosi, ma a dicembre il target quotidiano salirà a 100mila. Sarà una progressione", perché "la sfida si gioca davvero adesso. Serve un mese, ma fatto bene. A me non serve vaccinare a febbraio, sarebbe tardi”.

E a proposito della corsa alle prenotazioni, Bertolaso parla di “effetto Kabul”: “Quando gli americani hanno detto che avrebbero lasciato l’Afghanistan nessuno ha battuto ciglio. Quando hanno visto che salivano sugli elicotteri c’è stato l’assalto all’aeroporto. Succede sempre così: fin quando non tocchi con mano che accade qualcosa di serio aspetti e speri. Poi ti muovi e tendenzialmente inizia la corsa".
Il responsabile della campagna anti-Covid della Lombardia afferma che ora “si sale sul ring. Il generale Francesco Figliuolo mi ha garantito che abbiamo tutte le dosi necessarie per spingere forte in questo mese. Da lunedì inizia la battaglia di dicembre”.

La corsa per salvare il Natale

Per Bertolaso, esistono due scenari per le prossime settimane: “Il secondo non è per nulla buono. E ci costringe a rifare i calcoli. Alla vigilia di Natale potremmo avere una pressione molto maggiore sugli ospedali: raggiungere il 20% di occupazione delle terapie intensive anche in Lombardia che come Regione sta meglio di altre. Per questo ora serve una spallata importante".
E sui no-vax, i quali sostengono che per controllare il virus è meglio essere tamponati anzichè vaccinati, risponde: “Sono le teorie fantasiose di qualche personaggio televisivo".
"Non lo dice nessun medico o scienziato. Io ho sempre sostenuto la necessità di un green pass rafforzato. Da concedere solo a chi si vaccina o è guarito e non a chi si affida a un semplice test antigenico”.
Infine, sulle vaccinazioni ai bambini, Bertolaso parla del “miglior regalo di Natale che possiamo fare a loro e alle loro famiglie”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала