Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gazprom dà una spiegazione del balzo dei prezzi del gas in Europa

CC0 / Pixabay / Cucina a gas
Cucina a gas - Sputnik Italia, 1920, 24.11.2021
Seguici su
L'aumento dei prezzi del gas in Europa è causato da una grave carenza di gas naturale liquefatto, secondo il vicedirettore del dipartimento di analisi dei mercati di Gazprom Sergey Komlev.
L'aumento dei prezzi del gas in Europa è causato da una grave carenza di gas naturale liquefatto (GNL), ha affermato Sergey Komlev, vicedirettore del dipartimento analisi e prezzi del mercato del gas presso Gazprom Export.

"La situazione del mercato alla fine del 2020 e nel 2021 è stata associata all'emergere di una grave carenza di GNL. Ha dato impulso al gioco globale di aumentare i prezzi del GNL in modo flessibile e incontrollato, gonfiati da parte di attori regionali. Questo gioco al rialzo ha fatto sì che in Asia e Europa il prezzo del gas ha facilmente superato la linea di mille dollari per mille metri cubi", ha scritto in un articolo per la rivista aziendale di Gazprom.

I prezzi del gas in Europa sono aumentati dall'inizio dell'anno e sono aumentati notevolmente tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno. All'inizio di agosto, il prezzo stimato dei futures più vicini sull'indice TTF era di circa 515 $ per mille metri cubi e alla fine di settembre la cifra era più che raddoppiata. Il massimo storico, 1.937 dollari per mille metri cubi, è stato raggiunto il 6 ottobre.
La quota dei consumatori europei sul GNL come fonte di diversificazione delle forniture non si è giustificata, ha aggiunto Komlev. Il crollo dei prezzi spot al di sotto del livello che copriva le spese operative dei fornitori ha portato a un calo delle forniture verso l'Europa nel 2020, i prezzi più interessanti in Asia "hanno portato il trasporto del gas nella sua direzione" dalla seconda metà dello scorso anno, provocando la carenza nel mercato europeo del gas, spiega l'analista.
Movimenti imprevedibili di volumi spot di GNL tra i continenti, che raggiungono diverse decine di miliardi di metri cubi (in forma rigassificata), portano alla destabilizzazione dei mercati regionali, ha affermato Komlev.
I regolatori europei e asiatici hanno cercato di fornire flessibilità, anche geograficamente, nelle disposizioni dei contratti GNL a lungo termine al fine, come spiega l'esperto, di facilitare la circolazione dei volumi di gas liquefatto a seguito di variazioni relativamente contenute dei premi di prezzo. Tuttavia, questa liberalizzazione, secondo Komlev, si è trasformata in una crisi energetica.
Contatore del gas - Sputnik Italia, 1920, 21.10.2021
Putin insiste: carenza di gas in Europa colpa della politica di Bruxelles, la Russia non c'entra
Prezzi record del gas, sostiene l'autore, hanno trascinato con sé i prezzi di altre risorse energetiche e portato alla crisi che ha colpito l'intera economia e causato un'impennata dell'inflazione nei Paesi europei. Il summit della Ue in risposta il 22 ottobre ha chiesto alla Commissione Europea di analizzare il funzionamento del mercato del gas della regione.
Squilibri regolari e alta volatilità dei prezzi sono "un inevitabile compagno del mercato del gas".
Queste caratteristiche, secondo Komlev, richiedono una considerazione incondizionata nella liberalizzazione del mercato. Ora si stanno creando le premesse sul mercato mondiale del gas per "la formazione di una combinazione ottimale di contratti a lungo termine e transazioni una tantum con il dominio incondizionato dei primi", ha aggiunto l'esperto.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала