Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

C'è la stretta sui no-vax, Draghi: "Voto unanime, vogliamo preservare questa normalità"

© Foto : Governo italiano / CC-BY-NC-SA 3.0 ITIl Presidente del Consiglio, Mario Draghi
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi - Sputnik Italia, 1920, 24.11.2021
Seguici su
Il super green pass entrerà in vigore dal 6 dicembre al 15 gennaio anche in zona bianca. Il presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi: "La situazione è in lieve ma costante peggioramento, bisogna prevenire per preservare".
“Prevenire per preservare”. Questo l’obiettivo del governo di Mario Draghi che ha dato il via libera all’unanimità al decreto legge che istituisce il super green pass.
La versione del certificato verde che esclude i non vaccinati dalla vita sociale (bar e ristoranti al chiuso, feste, discoteche, cerimonie pubbliche, spettacoli) entrerà in vigore dal 6 dicembre al 15 gennaio anche in zona bianca.
A partire da questa data le restrizioni per chi non si è sottoposto alla vaccinazione potrebbero essere subordinate alla fascia di colore e scattare a partire dalla zona gialla.

Il premier Draghi: "Vogliamo preservare la normalità"

Si tratta di una decisione che permette di “evitare le chiusure”, ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la conferenza stampa, illustrando il provvedimento davanti ai giornalisti.
“Bisogna essere molto prudenti per evitare i rischi e riuscire a conservare quello che gli italiani hanno conquistato nel corso di quest’anno”, ha detto il premier Mario Draghi annunciando le nuove misure.
“Vogliamo preservare questa normalità – ha aggiunto - non vogliamo rischi, ma vogliamo continuare a stare aperti, ad andare in giro, a divertirci, ad acquistare, a lottare contro la povertà e ad andare a scuola contenti”.
La situazione epidemiologica, ha detto Draghi citando il coordinatore del Cts, Franco Locatelli, è in “lieve ma costante peggioramento”.
Inoltre, ha proseguito riferendosi all’importanza di effettuare la dose booster, la “copertura vaccinale inizia ad affievolirsi in questo periodo”. Il premier ha quindi chiarito di essersi già sottoposto alla terza dose del vaccino anti-Covid.
“Non dobbiamo concedere vantaggi al virus”, ha detto la ministra per gli Affari Regionali, Maria Stella Gelmini. Le nuove misure servono ad “evitare qualsiasi interruzione della ripresa e tenere aperto il Paese”. “Abbiamo bisogno – è andata avanti Gelmini - di sostenere la nostra economia in questo mese particolarmente importante per il Natale e per l’avvio della stagione sciistica”.

Obbligo vaccinale

Il decreto, come ha annunciato il ministro Speranza, introduce l’obbligo vaccinale anche per il personale non sanitario che lavora nel resto del comparto salute, per le forze dell’ordine, i militari e il personale scolastico, compresa la terza dose.

Green pass anche per alberghi e mezzi pubblici

Tra le novità c’è anche l’introduzione dell’obbligo di mostrare il green pass, nella sua forma tradizionale, negli alberghi, sui treni regionali e sul trasporto pubblico locale. Il green pass servirà anche per accedere agli spogliatoi delle attività sportive all’aperto.
L’opzione del tampone, la cui validità non cambierà, resta in piedi per andare al lavoro ed accedere alle attività essenziali. Non scatterà neppure l’obbligo delle mascherine all’aperto, che però sarà valido anche per i possessori del super green pass quando si passa in zona gialla, arancione o rossa.

I controlli

Fondamentale nella strategia del governo sarà il nodo dei controlli. Il ministro Speranza ha annunciato che entro cinque giorni dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale dovranno riunirsi i comitati per l’ordine e la sicurezza e mettere a punto un piano di controllo oltre a predisporre una relazione settimanale per il Viminale.
La ministra Lamorgese, ha fatto sapere Draghi, è incaricata di vigilare su questo dossier.
“Le forze di sicurezza verranno mobilitate in maniera totale e piena”, ha annunciato il premier. Sui mezzi pubblici, invece, i controlli saranno “campionari e frequenti”.

Il vaccino ai bimbi

Non sarà esteso, infine, il green pass sotto i 12 anni ma il capo del governo ha annunciato che partirà una “importante campagna di informazione” sui vaccini ai più piccoli. “Bisognerà ascoltare la voce dei propri pediatri e dei propri medici”, ha chiarito il ministro Speranza.

"Sarà un Natale normale"

"Spero che sia un Natale normale per i vaccinati e speriamo che la pandemia il prossimo anno ci permetterà di avere un Natale normale per tutti", ha detto infine Draghi rispondendo alla domanda di Alessandro Barbera de La Stampa.
"Speriamo - ha poi aggiunto - che chi oggi è oggetto di restrizioni possa tornare ad essere parte della nostra società".

Le fasce di colore

Il sistema delle zone, infine, sarà confermato. Le chiusure per i non vaccinati scatteranno in zona gialla ed arancione, mentre in zona rossa potrebbe scattare il lockdown per tutti, anche per i possessori del super green pass.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала