Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Spariscono le tombe dei bimbi mai nati: bufera sul comune di Brescia

CC0 / Pixabay / Cimitero in Inghilterra
Cimitero in Inghilterra - Sputnik Italia, 1920, 23.11.2021
Seguici su
Migliaia di genitori non hanno trovato più le tombe dei loro figli e accusano il comune di non aver avvisato le famiglie delle esumazioni. Ma da Palazzo della Loggia si difendono: "Non avevamo i contatti di tutti".
È polemica sulla decisione del comune di Brescia di procedere con le esumazioni di 2.500 tombe nel riquadro A del cimitero Vantiniano, quello in cui sono sepolti i bimbi mai nati o morti pochi giorni dopo il parto. Il problema è che quasi nessuna delle famiglie ne era a conoscenza.
E così, ai quotidiani locali, come Il Giornale di Brescia, sono arrivate decine di denunce e segnalazioni. Dal palazzo della Loggia assicurano di aver avvertito per tempo. L’avviso sarebbe comparso sul sito oltre un anno fa, fanno sapere dal Comune.
Ma i genitori lamentano di non aver trovato nessuna lista di nomi dei defunti che sarebbero stati esumati né di essere stati contattati direttamente dagli uffici comunali.
Quasi tutti, quindi, si sono trovati di fronte al fatto compiuto, dovendo fare i conti con dolore e angoscia per aver perso anche l’ultimo ricordo tangibile dei propri bimbi. Alcuni genitori raccontano di aver dovuto rovistare negli scatoloni per ritrovare gli oggetti posti sulla tomba del proprio figlio. “Avevo la nausea dal dolore”, confessa una mamma al Giornale di Brescia.
“Non avevamo il contatto di tutti i genitori”, si difendono ancora dal comune. Ma il caso fa discutere in consiglio comunale ed è finito persino in Parlamento.

“Come è stato possibile non rinvenire buona parte dei resti ossei, come è stato possibile esumare 2.500 tombe in una settimana e cosa intende fare l’Amministrazione per porre rimedio al grave errore commesso?”, scrive la capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale Paola Vilardi, citata dal Giornale.

Alla Camera dei Deputati, invece, Simona Bordonali, parlamentare bresciana della Lega ha chiesto alla giunta Dem una “spiegazione pubblica per far luce su una pagina nera per la città”. “Le famiglie - conclude - meritavano almeno una comunicazione diretta delle operazioni di esumazione e non un avviso sul portale”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала