Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Cingolani: con l'apertura del gasdotto Nord Stream 2 crollerà il prezzo del gas

© Foto : Press Service Eugal  / Vai alla galleria fotograficaСтроительство газопровода "Северный поток-2" в Германии
Строительство газопровода Северный поток-2 в Германии - Sputnik Italia, 1920, 23.11.2021
Seguici su
Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, spiega che l’aumento delle bollette energetiche è dovuto all’aumento enorme del prezzo del gas all’80%, mentre il restante 20% di aumento è dovuto al prezzo dei certificati legati all’anidride carbonica derivante dai processi che bruciano i carboni fossili.
“Ora la speranza è che nella seconda metà del prossimo anno il prezzo del gas scenda anche in concomitanza dell'apertura del Nord Stream, il gasdotto che porta in Germania, anche se i tedeschi sembrano mettere in dubbio la sua apertura”, così si è espresso il ministro Cingolani a Radio Capital.

La debolezza dell’Italia

Il ministro ha affermato che l’Italia è debole sotto il profilo dell’approvvigionamento energetico, perché “importiamo l’energia da tutte le parti. Per cui, in generale, il nostro energy mix deve cambiare e la nostra politica energetica deve migliorare. Per superare questa fase, il ministro afferma che questo “è il momento di investire nelle tecnologie che ci permetteranno in futuro di accelerare”.
Per quanto riguarda il nucleare di nuova generazione, come il Natrium che Bill Gates installerà negli USA, Cingolani ha dichiarato:
“La mia risposta è convintamente sì purché non si vada a slogan o a vecchie tecnologie ma si studi. È arrivato il momento di studiare, sviluppare e fare innovazione”.
Inoltre, di recente, l'amministratore delegato di Eni aveva affermato che il prezzo del gas naturale è cresciuto per via di investimenti non fatti a livello globale e dirottati altrove.

Germania e sospensione del Nord Stream 2 AG

Il gasdotto che collega la Russia all’Unione Europea direttamente, e che è noto come Nord Stream 2, è pronto ad entrare in esercizio. Tuttavia, le autorità tedesche ne hanno bloccato l’autorizzazione per l’entrata in esercizio per motivi legali.
Il Bundesnetzagentur (il regolatore tedesco dell’energia) ritiene che l’operatore del gasdotto non si sarebbe organizzato in forma giuridica secondo la legge tedesca.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала