Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ora il governo vuole il "super green pass": ecco cosa non si potrà più fare con il tampone

© Sputnik . Evgeny UtkinGreen Pass, controlli alla stazione ferroviaria di Milano
Green Pass, controlli alla stazione ferroviaria di Milano - Sputnik Italia, 1920, 21.11.2021
Seguici su
Le nuove limitazioni per i non vaccinati potrebbero essere contenute nel prossimo decreto di Palazzo Chigi. Il tampone potrebbe servire solo per lavorare e viaggiare.
Anche il governo italiano sembra voler intraprendere la strada del lockdown per i non vaccinati. Con il prossimo decreto messo a punto dal governo per contenere la risalita dei contagi, secondo le anticipazioni pubblicate dal Corriere della Sera che cita fonti di Palazzo Chigi, molte attività potranno essere riservate soltanto a chi ha ricevuto il vaccino o è guarito dal Covid.
Insomma, il “classico” certificato verde lascerà il posto al “super green pass”, rilasciato soltanto a chi è immunizzato con doppia dose e a chi ha già contratto il virus. Ma attenzione, dopo nove mesi anche questo lasciapassare scadrà se non ci si sottopone alla dose “booster”.
Il tampone negativo, molecolare o antigenico, potrebbe servire soltanto per recarsi al lavoro e per viaggiare in treno o in aereo. Ma è possibile che la durata della validità del green pass ottenuto con i test anti-Covid venga ridotta a 24 ore con il tampone rapido e a 48 con il molecolare.
Si discute anche della possibilità di rendere obbligatoria la certificazione anche per accedere ai mezzi pubblici, come metro e autobus. Ma su questo punto prevale lo scetticismo, soprattutto sul nodo dei controlli.
Di sicuro i non vaccinati potrebbero dover rinunciare a tutte le attività sociali: dall’aperitivo al bar, alla cena al ristorante, alla palestra, ad andare a teatro al cinema, allo stadio, in discoteca o in un museo.
Non è chiaro ancora se le limitazioni scatteranno per tutte le fasce di rischio o solamente all’interno delle zone gialle, arancioni o rosse.
Sul tavolo, sempre secondo le indiscrezioni riportate dal Corriere, ci sarebbe anche l’introduzione dell’obbligo vaccinale nel caso in cui la curva dei contagi dovesse impennarsi ulteriormente facendo aumentare la pressione sugli ospedali.
La terza dose è già obbligatoria per il personale sanitario e delle Rsa. Ma non è escluso che l’imposizione possa essere estesa a tutta la popolazione.
Luigi di Maio al Consiglio d'Europa - Sputnik Italia, 1920, 21.11.2021
Di Maio insiste: chiusure senza green pass e vaccini
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала