Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Licenziamenti e misure “belliche”: come i vari Paesi sanzionano i no-vax

© FotoIniziativa “No vax, no drink”
Iniziativa “No vax, no drink” - Sputnik Italia, 1920, 21.11.2021
Seguici su
Approfondimento
Divieto di lavoro, blocco dei siti, sospetto di fondamentalismo e carcere: in Europa e Asia si discute del contrasto ai no-vax e si prendono misure drastiche.
In Portogallo, chi si rifiuta di vaccinarsi viene definito un criminale militare. A Singapore, sono passibili di sanzioni penali e in Cina di denunce. Spuntik prendere in rassegna per voi le misure che nei vari Paesi hanno posto in essere per proteggere la popolazione.

Satanisti in ogni dove

“Bill Gates, grazie ai vaccini, sta creando un campo di concentramento basato sul 5G. Nell’organismo vengono impiantati degli OMG che creano un chip, tramite il quale i ricchi controllano i poveri. La cosa importante è che grazie a questo dispositivo l’élite sia in grado di minare criptovalute. I vaccinati, senza saperlo, diventeranno una fabbrica per estrarre bitcoin”, spiega agli ucraini sui social network Sergey Mitkevic, fondatore dell’organizzazione Stop Fake Pandemic.
Prima della pandemia lavorava nel circo di Kiev e, quando sono cominciate le restrizioni, è tornato alla sua occupazione principale, il pasticcere. Ha registrato un importante calo delle entrate. Anche la sua famiglia e i suoi amici si sono trovati in una situazione simile. Sergey ha deciso dunque che il coronavirus fosse “un complotto dei satanisti che vogliono ridurre la popolazione del pianeta grazie a una malattia inventata e al suo vaccino”.
Durante la quarantena, all’attivista è venuta l’idea di creare una comunità di persone con la medesima visione e di “salvare l’Ucraina dai vaccini”. Nell’arco di un paio di settimane riuscì a radunare centinaia di persone, che contestavano alle autorità l’obbligo vaccinale, organizzavano manifestazioni di piazza e chiedevano l’annullamento del lockdown. Secondo loro, con l’inserimento dei chip, Vladimir Zelensky voleva vendere il Paese agli americani.
Ma non tutti gli ucraini hanno una visione così radicale. Tuttavia, la maggior parte degli ucraini, secondo le statistiche, non si fida dei vaccini. La campagna vaccinale continua da circa un anno e soltanto il 18% della popolazione ha ricevuto due dosi.
Воины маори исполняют хака, что означает танец приветствия - Sputnik Italia, 1920, 15.11.2021
La tribù maori della Nuova Zelanda esorta i no-vax a smettere di usare l'haka durante le proteste
“Attivate il cervello, non credete agli spauracchi sui social network, vaccinatevi!”, Zelensky esorta così il suo popolo. Ma senza risultati. Regione dopo regione, il Paese finisce nella zona rossa, la più pericolosa per numero di contagi. Ciononostante, il 71% degli intervistati da Rating, società ucraina di analisi di mercato, continua a considerare il coronavirus una malattia inventata e il 56% non si è vaccinato e non intende farlo.

Il carcere o il vaccino

Singapore ha adottato un approccio radicale alla lotta ai no-vax. Due anni fa, Singapore ha vietato con una legge la diffusione di notizie false. Pertanto, contro i creatori e i moderatori di siti e gruppi no-vax vengono intentate cause penali. Ci sono stati risvolti legali per la community Il guerriero della luce, nell’ambito della quale pubblicavano materiali sui “danni” del vaccino. Gli utenti della community sostenevano che il coronavirus non esistesse e che farmaci e vaccini fossero un “mezzo legalizzato per uccidere cittadini vulnerabili”. Il Ministero della Salute di Singapore ha sporto denuncia ai danni dei moderatori.
La vicina Cina ha adottato misure ancor più severe, adottando, ove del caso, la forza. Sono benvenute le segnalazioni di vicini e amici non vaccinati, le quali arrivano prontamente. Ad esempio, un corrispondente del canadese The Globeand Mail ha comunicato che quest’estate la polizia di Hunan, dietro apposita segnalazione, ha fatto irruzione nell’appartamento di un cittadino. Quest’ultimo è stato interrogato a lungo sul motivo del suo diniego a vaccinarsi. Il cittadino cinese citava la decisione del Ministero dell’Istruzione e della Commissione nazionale cinese alla Salute, in cui si parla del consenso volontario dei cinesi alla vaccinazione. L’uomo non ha dato il suo consenso, pertanto nessuno ha il diritto di obbligarlo.
Lockdown in Austria - Sputnik Italia, 1920, 14.11.2021
Austria, cancelliere conferma lockdown per non vaccinati da lunedì
I poliziotti hanno scortato il no-vax fino alla volante, che l’ha portato fino all’ospedale. Alcune persone gli hanno bloccato le mani e i piedi, mentre i medici gli somministravano la prima dose.
Negli USA, invece, la situazione è ancora peggiore. Quotidianamente, in diversi stati degli USA, i no-vax protestano in piazza. La maggior parte si definisce sostenitrice dei repubblicani. Molti credono che il vaccino sia uno strumento per eliminare i poveri e che i complottisti appartengano alle famiglie Rothschild, Rockfeller e Ford.
Tra gli attivisti, spicca il nipote di John Kennedy, Robert F. Kennedy junior, il quale dirige la fondazione Children’s Health Defense, che crede che il vaccino provochi ansia e altri disturbi. Ma non si esprime in merito al fatto che, grazie ad alcuni test sulle pecore, il Consiglio americano per la Scienza e la Salute abbia scoperto questi effetti collaterali.

Se è guerra, bisogna combattere

In Portogallo, invece, per gli scettici è riservato un approccio “bellico”. Già a febbraio, metà della popolazione si è riversata nelle strade, manifestando contro le restrizioni e la quarantena. Mentre ogni giorno morivano di COVID circa 300 persone.
A guidare la campagna vaccinale è stato chiamato l’ex capitano militare e vice-ammiraglio Henrique Gouveia e Melo. “La prima cosa da fare è entrare in guerra. Parlerò con le persone nella lingua militare e non politica”, ha promesso subito dopo la nomina.
Il vice-ammiraglio si è recato alle proteste dei no-vax. Vedendolo, la gente ha urlato che i medici sono degli assassini e che il suo operato per il governo era soltanto un tradimento degli ideali portoghesi.
I marines americani - Sputnik Italia, 1920, 19.11.2021
Pentagono: niente arruolamento o promozione per i soldati che non si vogliono vaccinare
Il vice-ammiraglio ha subito preso la parola, rispondendo: “È il virus l’assassino. Stiamo tutti partecipando a una guerra. Ma chi è contro il vaccino è un criminale di guerra. È passato dalla parte del nemico, il COVID. Con la sua sfiducia sta uccidendo i suoi concittadini. Basta vivere nel Medioevo. Vaccinatevi!”
Nel team di Gouveia e Melo hanno lavorato medici, epidemiologi e analisti. Si è basato su fatti scientifici e ha risposto onestamente ai dubbi. Il vice-ammiraglio è stato supportato da personalità importanti del Paese che si sono vaccinate davanti alle telecamere e hanno spiegato che non è pericoloso. Ai portoghesi quotidianamente è stato condiviso quante vite hanno salvato i vaccini contro la polio, il morbillo e il vaiolo.
L’approccio militare ha avuto i suoi effetti. Il Portogallo infatti è uno dei Paesi leader per vaccinazioni: il 98% della popolazione maggiore di 25 anni è vaccinato con 2 dosi.

Le manifestazioni stancano

In Francia, i no-vax rischiano il licenziamento. Si comincia con i medici, per poi passare agli insegnanti. I francesi sono indignati, ma il ministro francese della Salute Olivier Véran li tranquillizza: le misure sono obbligate, ma temporanee.
Alcuni ospedali stanno cancellando operazioni non urgenti, perché i collaboratori non vaccinati potrebbero vaccinare i pazienti già abbastanza vulnerabili.
In Germania, oltre il 60% della popolazione è vaccinato. Angela Merkel e il ministro della Salute Jens Spahn esortano i cittadini a mettersi una mano sulla coscienza, e pare stia funzionando. Di tanto in tanto, sui social nascono delle community di no-vax, ma le autorità le aggrediscono con tempestività.
Novak Djokovic agli Australian Open - Sputnik Italia, 1920, 20.11.2021
Tennis, confermato obbligo di vaccinazione per i partecipanti all'Australian Open
Di recente, su richiesta del governo tedesco, Facebook ha bloccato 150 account legati al movimento no-vax Pensiero non convenzionale, fondato dall’imprenditore di Stoccarda Michael Ballweg. Questi invita i tedeschi a non indossare mascherine, a non vaccinarsi e a non credere alla pandemia. Ballweg ha diversi seguaci, ma presto il suo operato potrebbe essere definito estremista.
In Europa la lotta alla pandemia ha generato un senso di stanchezza nei confronti della pandemia stessa, delle manifestazioni e delle controversie ad essa legate. Di conseguenza, alcuni si dimenticano della seconda dose e la saltano. Questo impedisce il raggiungimento dell’immunità di gregge. Ma gli epidemiologi non intendono sopravvalutare il problema e rassicurano, dicendo che in UE oltre il 60% della popolazione è vaccinato. Non intendono rallentare i ritmi e cercano nuovi modi per convincere le persone a vaccinarsi.
di Galiya Abragimova
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала