Il giallo sui fondi dal Venezuela al M5S, l'ex 007 di Chavez interrogato dai pm milanesi

Logo del M5S - Sputnik Italia, 1920, 21.11.2021
Seguici suTelegram
Hugo Carvajal avrebbe promesso ai pm di Milano le prove delle sue accuse in cambio dell'asilo politico.
Le prove della consegna delle valige diplomatiche con i soldi provenienti dal Venezuela in cambio della protezione da parte del governo italiano per evitare l’estradizione negli Stati Uniti dove è ricercato per narcotraffico.
È questa, secondo quanto scrive Paolo Manzo sul Giornale, la richiesta formulata da Hugo Carvajal, l’ex capo dell’intelligence di Hugo Chavez ai due pm milanesi Maurizio Romanelli e Cristiana Roveda che la settimana scorsa sono volati a Madrid per interrogarlo.
Il “pollo” è ricercato dalla procura federale di Miami e da quella di New York per traffico internazionale di droga. Per evitare di dover scontare fino a 40 anni in cella, da mesi incolpa il regime di Maduro e del predecessore Chavez di aver distribuito soldi ai movimenti politici di mezzo mondo in cambio del sostegno internazionale.
Logo del M5S - Sputnik Italia, 1920, 30.10.2021
Caso M5S-Venezuela, il console a Milano: "Soldi al Movimento? Un falso"
Tra le carte è citato anche il Movimento 5 Stelle. Era stato il giornalista del quotidiano spagnolo Abc, Marcos García Rey, nel giugno del 2020 a pubblicare un controverso documento su un presunto finanziamento da 3,5 milioni di euro dal governo venezuelano ai pentastellati.
Uno scoop campato in aria per Davide Casaleggio, che aveva annunciato querele, e anche per l’ambasciata venezuelana.
La procura di Milano aveva aperto comunque un fascicolo e un anno fa lo stesso giornalista era stato ascoltato dai pm milanesi. Gli stessi che la settimana scorsa hanno incontrato l’ex 007.
Secondo il resoconto del Giornale Carvajal avrebbe rivelato ai magistrati che le valigette arrivate da Caracas sarebbero state più di una e che i finanziamenti sarebbero andati avanti “almeno fino al 2017”.
Il “pollo” assicura di avere le prove di quanto afferma, ma è pronto a metterle sul tavolo solo dopo aver avuto rassicurazioni da parte italiana sul possibile accoglimento della sua richiesta di asilo politico e protezione che possa evitargli di salire su quel volo di sola andata per gli Stati Uniti. Una richiesta, questa, che è già stata respinta dalle autorità spagnole.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала