Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Orlando: “Nei prossimi anni sarà centrale il business della raccolta dati”

© AFP 2021 / Andreas SolaroAndrea Orlando, nuovo Ministro del Lavoro
Andrea Orlando, nuovo Ministro del Lavoro - Sputnik Italia, 1920, 20.11.2021
Seguici su
Le piattaforme dedicate saranno uno strumento fondamentale, secondo il ministro del Lavoro sottolineando che mancano player per la digitalizzazione a livello europeo.
Digitalizzazione, banche dati, interattività e piattaforme che dialogano tra loro. Saranno elementi cruciali in futuro e fanno parte della transizione digitale, spina dorsale del Pnrr.
"Il business più importante dei prossimi anni sarà quello dell'accumulo dei dati. È il vero business delle piattaforme", ha detto il ministro del lavoro Andrea Orlando.
Intervenendo a un dibattito con Pierluigi Bersani, Orlando ha aggiunto che “sulla digitalizzazione mancano player a livello europeo, con il Pnrr rischiamo di fare un enorme investimento a livello europeo per lavoro di qualità però in altri continenti".

Il Cloud Italia, lavori in corso

Proseguono intanto le operazioni per la selezione di un operatore o di una cordata di operatori per la realizzazione del Cloud Nazionale, il cosiddetto Cloud Italia, l’infrastruttura digitale che entro il 2025 raccoglierà il 75% dell’intera mole di dati della Pubblica amministrazione italiana.
Sarà Difesa Servizi Spa, la società per azioni con socio unico il ministero della Difesa, la “centrale di committenza, per l’espletamento delle procedure di gara”.
Per la gara, al momento, sono in corsa tre cordate: Tim con Cassa depositi e prestiti, Sogei e Leonardo, poi l’accoppiata Almaviva-Aruba e Fastweb con Engineering Ingegneria Informatica spa.
La prima cordata ha comunicato che, in caso di aggiudicazione, è prevista la costituzione di una newco con una quota del 20% detenuta da Cdp, del 25% da Leonardo, del 10% da Sogei e del 45% da TIM.
Anche la cordata Engineering-Fastweb ha specificato che, in caso di aggiudicazione, sarà costituita una newco, a cui farebbe capo la realizzazione e gestione del Polo Strategico Nazionale secondo un modello di Partenariato Pubblico Privato ma senza precisare le percentuali di partecipazione.
Infine, la cordata Almaviva-Aruba ha solo parlato di un Partenariato Pubblico Privato, senza elaborare oltre sulla struttura dell’operazione.
Il Polo sarà distribuito geograficamente sul territorio nazionale presso siti opportunamente identificati, per garantire adeguati livelli di continuità operativa e tolleranza ai guasti.
L’obiettivo del Polo Strategico Nazionale è di ospitare i dati e i servizi critici e strategici di tutte le amministrazioni centrali (circa 200), delle Aziende Sanitarie Locali (ASL) e delle principali amministrazioni locali (Regioni, città metropolitane, comuni con più di 250 mila abitanti).
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала