Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scienziati israeliani inventano un dispositivo che identifica le bugie: analizza muscoli facciali

© Depositphotos / IconogenicUomo con rughe sulla fronte
Uomo con rughe sulla fronte - Sputnik Italia, 1920, 19.11.2021
Seguici su
Gli scienziati dell'Università di Tel Aviv hanno creato una tecnologia sulla base di intelligenza artificiale (IA) che identifica le bugie mediante l'analisi delle contrazioni dei muscoli facciali.
Il professor Dino Levi, l'ideatore della tecnologia innovativa, ha affermato che le macchine della verità contemporanee non sono affidabili perché qualsiasi persona può imparare a controllare il proprio polso e "ingannare" la macchina. Pertanto, è necessario trovare una tecnologia che sia più precisa nel rilevare le bugie.
"Il nostro studio si basa sull'ipotesi che i muscoli facciali si contorcono quando mentiamo e che finora nessun elettrodo è stato abbastanza sensibile da misurare queste contorsioni", cita il ricercatore il portale di notizie scientifiche EurekAlert.
Nel corso dello studio gli scienziati hanno incollato adesivi con elettrodi sui volti dei partecipanti a due gruppi di muscoli facciali:
i muscoli delle guance, adiacenti alle labbra;
i muscoli sopra le sopracciglia.
I volontari si mettevano a sedere a coppie l'uno di fronte all'altro e uno di loro indossava le cuffie, in cui venivano costantemente pronunciate le parole "linea" e "albero".
Tuttavia, quando una persona con le cuffie sentiva la parola "linea", doveva dire la parola "albero" al suo partner e viceversa. Vuol dire che ha apparentemente mentito, e il compito del suo partner era cercare di scoprire questa bugia. Poi i volontari cambiavano ruoli.
Le previsioni dei ricercatori si sono confermate: i partecipanti non sono stati in grado di capire quando i loro partner hanno mentito con alcun significato statistico. Al contempo, i segnali elettrici emessi dagli elettrodi attaccati al viso hanno identificato le bugie con una precisione senza precedenti pari al 73%.
"Nel nostro studio abbiamo avuto il vantaggio di sapere cosa sentivano i partecipanti nelle cuffie, e quindi sapevamo anche quando stavano mentendo. Così, utilizzando tecniche avanzate di apprendimento automatico, abbiamo addestrato il nostro programma a identificare bugie basate su segnali EMG (elettromiografia) provenienti dagli elettrodi", ha spiegato Levi.
"Un'altra scoperta interessante è stata che le persone mentono attraverso diversi muscoli facciali: alcuni mentono con i muscoli delle guance e altri con le sopracciglia", ha aggiunto.
I ricercatori credono che i risultati ottenuti avranno un effetto notevole in molti ambiti della nostra vita e che gli elettrodi diventeranno ridondanti, siccome il loro compito si potrà fare con un video software adatto.

"Le telecamere ad alta risoluzione addestrate per identificare i movimenti dei muscoli facciali saranno in grado di distinguere dichiarazioni veritiere dalle bugie in banca, negli interrogatori della polizia, in aeroporto o nei colloqui di lavoro online. In questo momento, il compito della nostra squadra è completare la fase sperimentale, addestrare i nostri algoritmi ed eliminare gli elettrodi", ha spiegato il professor Levi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала