Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gli animalisti all’attacco del Jova Beach Party 2022: “Concerti negli stadi non nei litorali”

© FotoJova Beach Party
Jova Beach Party - Sputnik Italia, 1920, 19.11.2021
Seguici su
Jovanotti ha presentato il singolo e il tour sulle spiagge, da Lignano a Castel Volturno, da Viareggio a Marina di Ravenna e in montagna, a Gressan.
Partirà il 2 luglio da Lignano Sabbiadoro il Jova Beach Party 2022, che Lorenzo Jovanotti ha presentato oggi ed è già polemica per le location scelte.
Ad attaccare i luoghi del tour estivo, che Jovanotti ha promesso sarà “un assembramento” senza mascherine e al 100% di capienza, gli animalisti dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa).
“Vogliamo verificare la regolarità delle autorizzazioni in considerazione del pregio ambientale dei litorali e dell’area montana di Gressan”, ha dichiarato l’Oipa.
Secondo l’Organizzazione i luoghi sono di particolare pregio e gli habitat potrebbero essere a rischio, mentre i concerti dovrebbero essere organizzati negli stadi, in luoghi dedicati.
Sulla polemica nessuna risposta da parte di Jovanotti che sui suoi social ha preparato l’annuncio delle tappe e il lancio del suo nuovo singolo “Boom”, con diversi post.

Gli animalisti: “Perché scegliere questi luoghi?”

Per l’Oipa è incomprensibile la scelta del cantante.
“Già il Jova Beach Party del 2019 fu al centro di polemiche e contenziosi per avere scelto luoghi preziosi, ricchi di avifauna anche rara, come il fratino”, commenta il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto.
“Non comprendiamo come Jovanotti, che ha voluto dimostrare più volte la sua sensibilità per i temi dell’ambiente, insista nel voler portare in luoghi naturali migliaia di persone, veicoli, frastuoni, logistica. I grandi concerti vanno fatti negli stadi proprio per rispetto degli animali e dell’ambiente”.
Per appurare che tutte le richieste abbiano valutato l’impatto reale dell’evento, l’Oipa chiederà l’accesso agli atti a tutti gli enti coinvolti nelle singole tappe della tournée per valutarne le conseguenze sulla biodiversità.

A Castel Volturno dal 2019 spiaggia riqualificata

E se gli ambientalisti protestano per i luoghi scelti e i possibili danni all’ambiente, una testimonianza che lascia sperare è quella di una delle tappe del tour, quella di Castel Volturno, già scelta nel 2019 e dove Jovanotti tornerà il 26 e 27 agosto.
"In molti, due anni fa mi dicevano che Castel Volturno era un luogo difficile, ma io ho difeso la
mia scelta e alla fine ed è stata una giornata straordinaria", ha detto il cantante in conferenza stampa.

“E ho saputo che dopo il concerto la spiaggia ha ricevuto ulteriori interventi. Ora torniamo, sarà ancora meglio, e potremo dire che abbiamo contribuito insieme alla rinascita di un territorio, perché una festa come Jova Beach Party pulisce le spiagge e l'unico segno che lascia è una scia di gioia nei cuori".

Due anni fa alcune associazioni ambientaliste polemizzarono via social ritenendo che il concerto non fosse compatibile con la tenuta ambientale della spiaggia, in particolare con le sue dune.
Per questo da quest'anno una commissione formata da rappresentanti del Comune, della Trident
Music (organizzatrice dei tour di Jovanotti), di Veragency (da 20 anni organizza in Campania i concerti di Jovanotti), di associazioni ambientaliste come WWF, Legambiente, Lipu e
Associazione Domizia, hanno già effettuato alcune riunioni per prevenire criticità e polemiche ma soprattutto alla luce dei numerosi nidi di tartaruga caretta-caretta scoperti quest'anno sulla spiaggia accanto al lido Fiore Flava Beach.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала