Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Cina, viola la quarantena al rientro in patria: 28.000 euro di multa e carcere

© AP Photo / Mark SchiefelbeinPechino, Cina
Pechino, Cina - Sputnik Italia, 1920, 19.11.2021
Seguici su
Un tribunale cinese ha condannato un uomo a due anni di carcere, con tre anni di condizionale, e lo ha multato per 200.000 yuan (circa 28.000 euro) per aver violato l'autoisolamento, riporta il quotidiano digitale cinese The Paper (Pengpai News).
La sentenza è stata emessa dal tribunale popolare di Pingxiang, nella prefettura di Chongzuo, nella regione autonoma di Guangxi Zhuang.
Secondo la versione del pubblico ministero, ad aprile di quest'anno il cittadino cinese, il cui cognome è Cao, è arrivato in Cina dopo un viaggio in Vietnam.
Al controllo passaporti, Cao ha compilato il questionario sulla salute con informazioni non veritiere, nascondendo i sintomi del contagio da COVID-19. Inoltre, il viaggiatore non ha indicato le informazioni sui casi di infezione da COVID-19 rilevati tra gli ospiti dell'albergo in cui viveva in Vietnam. In seguito, arrivato in Cina, Cao ha violato le regole di autoisolamento, uscendo dall'hotel in cui era in quarantena per andare a trovare i suoi amici.
Il pm ha sottolineato che le azioni di Cao hanno costretto 459 persone a sottoporrsi ad isolamento e controlli da parte dei medici, il che ha creato danni economici considerevoli, mentre altri 29 dipendenti, che lavoravano al controllo passaporti, sono stati messi in isolamento per un periodo di 14 giorni, il che ha reso più complicato il lavoro al valico di frontiera.
La polizia italiana - Sputnik Italia, 1920, 01.05.2021
Covid, La Spezia: Polizia multa un bar, familiare del titolare minaccia di darsi fuoco
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала