Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Presidente Montenegro e due cittadini italiani al centro di scandalo di riciclaggio da 22 milioni

© AP PhotoPresidente Montenegro
Presidente Montenegro - Sputnik Italia, 1920, 18.11.2021
Seguici su
Il presidente Montenegrino ha però smentito le accuse, parlando di fronte ai giornalisti di falsificazione mediatica in atto.
La Procura speciale del Montenegro ha aperto un fascicolo d'indagine sulle accuse relative allo scandalo del riciclaggio di denaro internazionale, in cui sarebbe implicato il presidente montenegrino Milo Đukanović.
Il capo dello stato è stato chiamato in causa dal magnate del petrolio albanese Rezart Taci per dei pagamenti sospetti in relazione ai cittadini italiani Francesco Zummo e Fabio Petruzzella.
"Ulteriori informazioni e dati non possono essere divulgati al fine di tutelare gli interessi del procedimento penale", si legge in una nota del procuratore speciale Sanja Jovićević.
Oggi, Taci è ricercato dalla procura anti-corruzione e anti-criminalità organizzata di Tirana, mentre due suoi collaboratori sono stati arrestati: sono il cognato, Artur Balla, figlio di un ex giudice, e Bledar Lilo.

Il filone italiano

Contestualmente, è stato reso noto che il Tribunale di Palermo ha aperto un'inchiesta a carico di Taci e di due cittadini italiani, Petruzzella e Zumma, per un caso di riciclaggio da oltre 22 milioni di euro.
Auto della polizia italiana - Sputnik Italia, 1920, 12.11.2021
Palermo, blitz antiriciclaggio: fermato il plurindagato 90enne Francesco Zummo
Secondo l'accusa, gli indagati avrebbero tentato di spostare la somma di denaro dal Lichtenstein alla Svizzera e poi in Albania, proprio con l'aiuto del petroliere di nazionalità albanese.
Fondamentali, in questo filone dell'inchiesta, le intercettazioni del Servizio centrale operativo della polizia, che hanno fatto emergere i contatti diretti dei due italiani con Daniele Cestagalli, un broker svizzero di origini italiane, e con lo stesso Taci.
Petruzzella, arrestato venerdì scorso, è stato interrogato dal gip di Palermo Alfredo Montalto, ha negato tutte le accuse, sostenendo di non avere fatto nulla di illecito.

"Ha risposto a tutte le domande. Ha dato ai fatti una valutazione diversa", ha affermato il suo legale Roberto Tricoli, che assiste Petruzzella con il collega Luigi Miceli, come riporta la Repubblica.

La difesa di Đukanović

Il presidente del Montenegro Milo Đukanović, da parte sua, ha affermato che risponderà all'appello della Procura speciale dello Stato in merito alle accuse di riciclaggio di denaro internazionale e di pagamenti sospetti.

"Sono al corrente del fatto che la Procura speciale ha aperto un fascicolo d'inchiesta. [...] Sono pronto come sempre a rispondere all'appello di ogni organo statale, perché voglio dare un esempio di come si deve agire se vogliamo davvero stabilire uno stato di diritto effettivo nel nostro Paese", ha affermato Đukanović.

Il presidente montenegrino ha tuttavia sottolineato di ritenere che il caso sia in realtà una montatura e un falso:
"Non è una sorpresa. Queste falsificazioni si sono moltiplicate sia nella vita politica che nei media, dove si cerca di distogliere l'attenzione da questioni importanti, creando continuamente scandali, da quelli che sono veri problemi politici e sociali, perché abbiamo un governo disfunzionale e inefficiente", ha proseguito il presidente.
Anche la Prva banka, il principale istituto bancario montenegrino, ha smentito le accuse dei media in relazione a questa vicenda, che potrebbe "causare danni ai suoi azionisti".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала