Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Israele, Giordania ed Emirati Arabi Uniti costruiranno una grande centrale solare

© Sputnik . Mikhail Voskresensky / Vai alla galleria fotograficaUna centrale solare
Una centrale solare - Sputnik Italia, 1920, 18.11.2021
Seguici su
Funzionari di Israele, Giordania ed Emirati Arabi Uniti intendono firmare lunedì a Dubai un accordo sulla costruzione di una grande centrale solare in un deserto nella Giordania, riferisce il portale americano Axios, citando funzionari israeliani.
Il portale scrive che l'affare sarà concluso nel corso di una visita negli Emirati Arabi Uniti di alti funzionari di Israele e Giordania, in presenza del rappresentante speciale del presidente statunitense Joe Biden per il Clima, John Kerry.
Secondo il piano, la centrale, che sarà costruita da una società emiratina, fornirà energia principalmente ad Israele, che, a sua volta, costruirà un impianto di desalinizzazione sulla costa mediterranea per fornire acqua alla Giordania.
Secondo Axios, l'accordo è stato raggiunto a seguito di "negoziati segreti tra i governi dei tre paesi" e la sua firma originariamente sarebbe dovuta coincidere con il vertice sul clima COP26 a Glasgow. Tuttavia, il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha chiesto di posticipare la firma, a causa delle preoccupazioni per le critiche nel Paese nel contesto dell'imminente voto sul bilancio.
Фотографирование лидеров стран-участницы конференции ООН COP26 в Глазко - Sputnik Italia, 1920, 13.11.2021
COP26: a Glasgow finalizzano accordo storico per combattere il cambiamento climatico
Il progetto della costruzione di una centrale solare è vantaggioso per Israele, in quanto ha bisogno di fonti di energia rinnovabile, ma il Paese non dispone di territori sufficienti per grandi centrali solari. In Giordania, invece, c'è il territorio necessario per una centrale elettrica, ma esiste il bisogno di acqua. Allo stesso tempo, la Giordania può costruire impianti di desalinizzazione solo nelle remote parti meridionali del Paese e le grandi città si trovano più vicino alla costa di Israele.
Della costruzione della centrale si occuperà la società statale emiratina Masdar. Si prevede che la centrale sarà messa in funzione entro il 2026 ed entro il 2030 potrà generare il 2% dell'energia elettrica in Israele.
Israele, come riferito dal portale, pagherà 180 milioni di dollari ogni anno. L'importo sarà diviso dal governo della Giordania e da Masdar.
Nel 2020, gli Stati Uniti hanno avviato un processo volto a normalizzare le relazioni tra Israele e i Paesi arabi. Con la mediazione di Washington è stata firmata una serie di documenti, denominata Accordi di Abramo. Agli accordi hanno aderito Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Marocco e Sudan. Le autorità palestinesi hanno criticato le mosse dei Paesi arabi per normalizzare i rapporti con Israele a scapito della difesa dei diritti dei palestinesi.
Il presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese Mahmoud Abbas - Sputnik Italia, 1920, 01.11.2021
Palestina, il presidente dell'ANP Mahmoud Abbas in Italia in visita ufficiale
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала