Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Confine Polonia-Bielorussia, l'esercito polacco usa granate Flashbang e lacrimogeni contro migranti

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaI rifugiati sulla terra in un campo di migranti illegali al confine bielorusso-polacco nella regione di Grodno, in Bielorussia.
I rifugiati sulla terra in un campo di migranti illegali al confine bielorusso-polacco nella regione di Grodno, in Bielorussia. - Sputnik Italia, 1920, 16.11.2021
Seguici su
La situazione alla frontiera si è nuovamente aggravata questo martedì mattina, quando i migranti hanno cercato ancora una volta di sfondare le barriere.
Le forze di sicurezza polacche hanno usato gas lacrimogeni e granate stordenti, o flashbang, contro i migranti al confine, secondo un corrispondente di Sputnik.
Inoltre, è stato utilizzato un cannone ad acqua.
La situazione al confine è peggiorata martedì mattina, quando i rifugiati hanno iniziato a rompere la recinzione in territorio neutrale e a lanciare pietre contro le forze di sicurezza polacche.
L'esercito polacco ha usato gas lacrimogeni contro i migranti e poi granate stordenti, cercando così di costringerli a rientrare in territorio bielorusso.
Di conseguenza, i rifugiati sono stati costretti a tornare nelle profondità del campo.
Va ricordato che da più di una settimana diverse migliaia di migranti - per lo più curdi - si trovano davanti al confine bielorusso-polacco. Non nascondono che intendono trasferirsi in Germania.
Ieri alcuni profughi, compresi bambini e donne, hanno lasciato la tendopoli nella foresta e si sono stabiliti direttamente davanti al posto di blocco "Bruzgi". Hanno trascorso la notte a cielo aperto nelle immediate vicinanze delle barriere di confine.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала