Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il mercurio uccideva anche in passato: trovate le prove dell'avvelenamento massiccio più antico

Mercurio - Sputnik Italia, 1920, 16.11.2021
Seguici su
Questo avvelenamento risale all'età del bronzo, secondo uno studio di un'equipe internazionale di ricercatori.
Il mercurio è considerato una delle sostanze più tossiche e pericoloso per l'organismo umano: secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, rientra nella classifica delle prime dieci sostanze più pericolose per la salute.
I ricercatori delle università di Carolina del Nord (USA), Coimbra, Algarve, Lisbona (Portogallo), Alcalá e Siviglia (Spagna) hanno pubblicato i risultati di un'ampia analisi su campioni di ossa umane provenienti da 23 siti archeologici nella penisola iberica. Complessivamente, sono stati studiati i resti di 370 persone provenienti da 50 tombe risalenti all'antichità, tra l'Età del Rame e del Bronzo. Il lavoro dei ricercatori è stato pubblicato sull'International Journal of Osteoarcheology.
Come risultato dell'analisi, gli scienziati hanno scoperto che il più alto livello di esposizione al mercurio nell'uomo è stato osservato nell'Età del Bronzo, tra il 2900 e il 2600 a.C. Proprio in questo periodo lo sfruttamento e l'uso del cinabro, un minerale dal colore rosso vivo, aumentò notevolmente per ragioni sociali e culturali.
Si tratta di un minerale composto da solfuro di mercurio, che, una volta frantumato, si trasforma in una polvere rossa. È stato a lungo utilizzato come pigmento per la produzione di vernici. Inoltre poteva avere un significato non solo decorativo, ma anche rituale, dal momento che col rosso di questo composto si pitturavano oggetti religiosi, nonché i corpi dei morti.
I ricercatori hanno scoperto che in alcuni resti analizzati erano state rinvenute percentuali di mercurio nei capelli fino a 400 parti per milione, una concentrazione enorme, poiché per gli standard odierni questo numero non dovrebbe superare 1-2. Gli esperti ritengono che le persone probabilmente abbiano inalato deliberatamente il vapore di mercurio o addirittura ingerito il cinabro per scopi rituali.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала